Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Sembra di stare in una favola, ma è solo il risultato straordinario di una cavalcata pazzesca. La Vigor stravince il duello con la temibile Adrano (96-76 il finale) e si prende – da sola e senza sperare in aiuti esterni – la Serie C unica. Un traguardo mitico per i ragazzi di coach Di Stefano, che tornano a festeggiare una promozione dopo 7 anni. Lo fanno al termine di un campionato magistrale, in cui le varie anime della squadra sono riuscite a diventare gruppo, a convivere nelle difficoltà e tirarsi fuori dei guai. Come quelle tre sconfitte “disastrose” (per come sono arrivate e non nelle proporzioni) ottenute e Licata e Messina e in casa contro il Cus Catania, che sembravano aver compromesso il sogno. Ma al termine dell’ennesima prova eccezionale, davanti a un pubblico infuocato, quel sogno diventa realtà.

La formazione santacrocese approccia la gara con fame e difesa, spingendo al massimo sull’acceleratore (7-0). L’avvio è targato da Giovanni Pace e Giacomo Rizzo, che aprono la forbice sul 16-6. Adrano, spinta da 50 calorosissimi ultras in tribuna, ricuce fino al -6, ma il primo quarto si chiude col buzzer beater di Rizzo che vale il 27-20 per la Vigor. La zona di Castiglione comincia a dare i suoi frutti, Santa Croce perde un minimo di lucidità in attacco ma in difesa dfa un figurone. Il temibile Luigi Russo, un gigante fra i bambini, si fa condizionare dai falli e la Vigor piazza un nuovo break: la tripla di capitan Distefano (ennesima dimostrazione di grande leadership) vale l’allungo sul 38-25, poi il vantaggio si dilata fino al 49-32. All’intervallo lungo è 51-38 per i padroni di casa.

La prima parte del terzo quarto è da cuori forti. La Vigor prima tampona, poi scappa con le triple di Mirko Mandarà, Occhipinti e ancora Distefano (per il 71-55 che spezza definitivamente in due la partita). Adrano si aggrappa ai suoi esterni – Leanza e Sortino su tutti – per tornare nel match. Ma il testa a testa dura relativamente poco: le nuove accelerazioni di Pace e Giacomo Rizzo (top scorer con 25 punti), oltre alla prova sontuosa di Occhipinti in regia, sanciscono la supremazia biancazzurra. Nei secondi finali vanno in campo anche i baby per raccogliere gli applausi. Poi è il momento di fare festa: l’impresa è compiuta.

IL TABELLINO

Emmolo S.&C. Vigor-Sporting Club Adrano 96-76

Vigor: Pace 22, Giacomo Rizzo 25, Occhipinti 14, Distefano (c) 16, Salvatore Rizzo 6, Lorenzo Mandarà 4, Mirko Mandarà 5, Emmolo 2, Susino 2, Di Stefano, Cavallo, Cordova. All: Giancarlo Di Stefano

Fotogallery a cura di Giuseppe Scillieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Alluvione del 5 ottobre, l’annuncio del sindaco: “Chiesto lo stato di calamità”

Con una delibera di giunta adottata martedì pomeriggio, il comune di Santa Croce Camerina …