biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Comiso, Termini è garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

0 84

Il sindaco Filippo Spataro ha nominato con proprio decreto il dottore Calogero Termini “Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. Tale figura è stata istituita con delibera del Consiglio comunale n. 71/2014. Si tratta di un organo monocratico che svolge la propria attività in piena autonomia e con indipendenza di giudizio e valutazione e non è sottoposto ad alcuna forma di controllo gerarchico e funzionale. Secondo quanto previsto dal Regolamento del “Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”, il sindaco nomina con proprio provvedimento il Garante, individuandolo, mediante selezione pubblica, fra le persone residenti a Comiso, in possesso dei requisiti per l’elezione a Consigliere comunale e di indiscusso prestigio, di comprovata competenza e professionalità, con esperienza almeno decennale nel campo delle problematiche concernenti l’età evolutiva. Il Garante resta in carica quattro anni e opera in regime di prorogatio, secondo quanto disposto dalle norme legislative in materia. L’incarico è rinnovabile una sola volta, opera a titolo volontario e non percepisce alcuna indennità.

“Ci sono pervenute due proposte di candidatura – spiega il sindaco Spataro -. Entrambe di professionisti seri, competenti, che hanno i requisiti per essere nominati all’incarico di garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del Comune di Comiso. Dopo aver valutato i rispettivi curricula, devo dire ottimi, è stato preferito il dottor Calogero Termini, peraltro molto noto in città e in tutto il territorio ibleo, per la sua maggiore esperienza comprovata, in ragione della sua professione medica, nell’ambito delle problematiche riguardanti l’età evolutiva”.

“Sono onorato di assumere questo nuovo incarico e ringrazio chi mi ha espresso la sua fiducia – dichiara il dottor Termini -. Tra i miei compiti vi è la vigile collaborazione con gli operatori preposti sulla applicazione in tutto il territorio cittadino delle convenzioni internazionali a tutela dell’infanzia, la promozione, in accordo con gli enti e le istituzioni che se ne occupano, di iniziative per la diffusione di una cultura per l’infanzia e per l’adolescenza, finalizzata al riconoscimento delle fasce di età minorili come soggetti titolari di diritti, la promozione, in accordo con l’Amministrazione Comunale e con tutti gli altri soggetti competenti, di iniziative per la celebrazione della giornata italiana per l’infanzia istituita con legge nazionale, l’organizzazione di convegni, seminari, giornate di studio e il patrocinio di eventi formativi o progetti organizzati da enti pubblici o privati senza aggravio di spese, per la promozione delle attività del Garante e della cultura del rispetto dell’infanzia e dell’adolescenza. Un ulteriore compito sarà la promozione, in armonia con l’Amministrazione Comunale e il coinvolgimento pieno del Consiglio Comunale dei ragazzi, di forme di ascolto e di partecipazione dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze e dei loro genitori alla vita della Comunità. Soprattutto sarà mio compito accogliere segnalazioni in merito a violazioni dei diritti dei minori e rappresenterò alle istituzioni competenti la necessità dell’adozione di interventi adeguati alla rimozione delle cause che le determinano, comunicandole al sindaco e al presidente del Consiglio comunale. Inoltre, sarà fondamentale il monitoraggio sull’assistenza prestata ai minori ricoverati in istituti educativo-assistenziali, in strutture residenziali o comunque in ambienti esterni alla propria famiglia, segnalando agli Organi competenti gli opportuni interventi e la promozione di iniziative per la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza atte a rimuovere situazioni di pregiudizio, con particolare riferimento alla prevenzione di abusi e di maltrattamenti, del lavoro minorile e della dispersione scolastica. Altro precipuo compito è la segnalazione alle Amministrazioni pubbliche competenti dei fattori di rischio o di danni per i minori derivanti da situazioni ambientali carenti o inadeguate dal punto di vista igienico sanitario e in ciò sarà privilegiato il rapporto con il mondo scolastico. Ci si avvarrà dell’opera gratuita di consulenti ed esperti in possesso di adeguate e comprovate capacità professionali, per garantire maggiore competenza all’azione dell’ufficio del garante. Tutto ciò nell’ottica di una collaborazione con il Garante nazionale e con quello regionale.Tutti i ragazzi meritano un futuro, spetta a noi tutti far sì che ciò si realizzi”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.