2184x268micieli
Il Delfino
onoranzescillieri
attualmobili1350

“Il bambino che rientra in casa non è Loris”: le prove della difesa

0 110

“Veronica non ha ucciso suo figlio, abbiamo le prove”. L’avvocato Francesco Villardita, intervenuto alla trasmissione ‘Quarto Grado’, ha illustrato i punti salienti della perizia di parte che rimette in discussione il caso Loris. Al momento la madre del bambino, Veronica Panarello, è in carcere con l’accusa di omicidio colposo e occultamento di cadavere. Gli inquirenti, inoltre, dopo aver passato al setaccio le comunicazioni della donna, non avrebbero trovato traccia di eventuali complici. La mamma 26enne non ha chattato con nessuno e avrebbe agito da sola. Ma la difesa è pronta a dare battaglia in tutte le sedi.

Secondo Villardita, infatti, il bambino che rientra nel palazzo degli Stival non è Loris: lo attesterebbe il sofisticato software “Amped Five”: dal colore del negativo delle immagini, il colore della sagoma del bimbo che rientra – dopo circa 45 secondi – è tutta bianca. Quello che ne era uscito qualche minuto prima, ossia Loris, era bianco e nero. Ciò vuol dire che i due soggetti erano vestiti in modo diverso. E sempre dall’utilizzo di questo programma, si evince che l’auto che passa dal Vecchio mulino non è la Polo nera di Veronica, ma potrebbe essere una Punto. In più, come ribadito più volte dal penalista, la morte reale di Loris andrebbe collocata un paio d’ore e mezza più avanti di quella stabilita dal medico legale: se le circostanza fosse vera, la donna avrebbe un alibi di ferro, ossia il fatto di trovarsi a un corso di cucina a Donnafugata.

“Non è possibile che Loris sia morto fra le 8.30 e le 10 come stabilito dal medico – spiega Villardita -. Inoltre il programma ‘Amped Five’, utilizzato dalla Polizia scientifica di tutto il mondo, rileva che il soggetto che rientra in casa non è Loris. La tesi accusatoria è stata smentita”. Veronica Panarello (che secondo l’avvocato “è più tranquilla, in base alle recenti scoperte”) ha chiesto di essere interrogata dal Gip, ma questo non è possibile. Sarà invece interrogata dagli inquirenti, probabilmente la prossima settimana.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.