Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Un omaggio alle donne e agli uomini che con coraggio 70 anni fa resero l’Italia libera. Questo è stato il filo conduttore per la celebrazione del settantesimo anniversario della Liberazione d’Italia che si è svolta quest’anno a Santa Croce Camerina, organizzata dall’Amministrazione comunale. Il 25 aprile è ufficialmente una delle festività civili della Repubblica italiana, scelta per ricordare la fine dell’occupazione tedesca in Italia, del regime fascista e della Seconda guerra mondiale, simbolicamente indicata il 25 aprile 1945. Il programma istituzionale della commemorazione, come ogni anno, ha registrato la presenza di un corteo, alla presenza del sindaco Franca Iurato, del presidente del consiglio comunale Maria Zisa, di alcuni consiglieri comunali, dei rappresentanti delle associazioni dei combattenti, della protezione civile, dell’A.V.S., della C.R.I. sez. di Ragusa, della capitaneria di porto (M.llo Salvatore Cappello) e del parroco di Santa Croce – padre Angelo Strada –  che ha preso avvio dal Palazzo Municipale e ha raggiunto la sede dell’associazione combattenti e reduci dove è stato reso l’onore alla bandiera. Successivamente il corteo si è spostato presso Piazza Unità d’Italia, dove è stata posta una corona ed è stato eseguito l’omaggio ai Caduti della Patria, con la cerimonia dell’alzabandiera. Prima “Bella Ciao” eseguita da Giorgio Baeli e successivamente l”inno nazionale, che è stato magistralmente interpretato da Gianni Brullo, accompagnato dalle musiche del corpo “Risveglio Bandistico Kamarinense” diretto dal maestro Giuseppe Zisa, hanno fatto da cornice a tutta la cerimonia che ha commosso i presenti. Da rilevare anche l’appello lanciato dal sindaco Franca Iurato, rivolto alla gente per l’unità nazionale.

Fotogallery a cura di Lino Scillieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, 2ª Categoria: Occhipinti e Vespertino, l’Atletico vince senza strafare

L’Atletico è brillante solo a tratti, ma basta un gol per tempo per aver ragione della Leo…