Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il sindaco di Santa Croce Camerina, Franca Iurato, ha effettuato una visita istituzionale alla troupe impegnata nelle riprese della fiction televisiva de “Il commissario Montalbano” che si trova tuttora a Punta Secca. Il primo cittadino ha omaggiato i componenti della troupe con il pane tipico di “San Giuseppe”. L’assaggio è stato molto apprezzato da tutti, compresi Luca Zingaretti, l’attore che interpreta il personaggio creato dalla penna di Camilleri, e il regista Alberto Sironi. “Abbiamo avuto modo di ringraziare entrambi, assieme a tutti coloro che si adoperano in seno alla troupe – dice il sindaco Iurato – non ultima la casa di produzione Palomar e lo stesso scrittore Camilleri per la ricaduta positiva della loro azione sul nostro territorio. Fare sentire la vicinanza istituzionale del Comune era il minimo considerata la grande attenzione che la fiction riesce a garantire alla nostra realtà comunale. Ogni anno, la casa di Montalbano, giusto per fare un esempio, ma anche tutta Punta Secca e il resto della costa, diventano meta di migliaia di turisti che vogliono scattarsi una foto nei luoghi in cui è stata girata la fiction. Tutto ciò, per noi, ha una ricaduta promozionale senza pari”.

5 Commenti

  1. Franco

    27 aprile 2015 a 16:41

    Proprioilpane di San Giuseppe dovrebbe esere pr chi non uò perettersi un tzzo di pane, non per folklore. NOn c’è più religione..
    potev portagli pure unpacc di pasta, mnon ilpane d SanGiuseppe.

    Rispondi

    • Franco

      27 aprile 2015 a 16:42

      scusate ho la tastiera distrutta…

      Rispondi

  2. Peppe Zocco

    27 aprile 2015 a 16:49

    Che bella dichiarazione . Ma lo sa il nostro sindaco che Punta Secca è diventata meta di migliaia di turisti che vogliono fare pipì e non trovano un bagno pubblico disponibile. Vergogna.

    Rispondi

  3. Paolo Vacante

    29 aprile 2015 a 10:37

    Non voglio essere polemico, perché è vero che sicuramente ci sarebbe bisogno di qualche servizio in più, ma purtroppo come si suol dire “la coperta è corta e se ci copriamo la testa i piedi rimangono scoperti”.
    Colgo l’occasione per segnalare che le spiagge sono pienissime di bottiglie di vetro (birra) vuote, intere o in frantumi, seminate dappertutto. Sono andato in spiaggia coi miei figli e dovevo stare molto attento che non si facessero male.
    Sarebbe già ora di iniziare a ripulire le spiagge.

    Rispondi

    • Giuseppe

      29 aprile 2015 a 13:24

      Paolo, per le bottiglie di birra vuote sulle spiagge e sugli scogli dobbiamo ringraziare gli extracomunitari, che ci stanno arricchendo di cultura e…….. Spazzatura!!!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ la domenica della prevenzione: controlli di glicemia e pressione arteriosa

“Lo screening è vita”: con questo slogan l’Associazione Volontari del Soccorso di Santa Cr…