2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Comiso, minaccia la ex convivente con un fucile e finisce in manette

0 168

Una storia di rapporti relazionali finita male e che, forse, rischiava di finire ancora peggio. Questo alla base delle vicenda che si è consumata nella nottata appena trascorsa a Comiso quando Giannone Giovanni, 69enne vittoriese, pregiudicato, armato di fucile a canne mozze, illegalmente detenuto, si è introdotto furtivamente nell’abitazione della ex convivente, C. A., 39enne, originaria di Gela, e ha atteso che facesse rientro a casa. Una volta arrivata l’uomo ha iniziato a minacciarla puntandole il fucile, ma la donna è riuscita a divincolarsi e a chiamare il 112. I Carabinieri, giunti immediatamente sul posto, hanno portato al sicuro la signora e, coadiuvati da diverse pattuglie, hanno iniziato una vera e propria caccia all’uomo che, inizialmente, si era reso irreperibile.

Le ricerche, protrattesi per tutta la nottata fino alle prime ore dell’alba, e che hanno visto l’impiego di oltre 15 militari, che hanno setacciato terreni e serre, casolari abbandonati, nonché i luoghi di domicilio e di abituale frequenza di Giannone, hanno consentito di individuarlo nei pressi della sua abitazione, situata a Vittoria: dopo aver fatto irruzione e aver perquisito la casa, i Carabinieri hanno rinvenuto, abilmente nascosto e celato in un sacco di juta, un  Fucile cal. 12 a canne mozze, marca Boniotti, e 33 cartucce del medesimo calibro. Dalle iniziali verifiche eseguite l’arma è risultata oggetto di furto, denunciato nel lontano 1994 da un vittoriese.

L’uomo, pertanto, è stato tratto in arresto per i reati di ricettazione, minaccia aggravata e porto e detenzione abusiva di arma da fuoco, dei quali dovrà rispondere dinanzi al sostituto procuratore della Repubblica, dott.ssa Valentina Botti. Il fucile, oggetto di furto, nonché le cartucce, sono stati sottoposti a sequestro e a breve saranno inviati al RIS di Messina per gli accertamenti del caso: dalle prime indagini, suscettibili di ulteriori sviluppi, l’insano gesto sarebbe riconducibile a dissapori legati al rapporto di convivenza ormai concluso.

Al termine delle formalità di rito Giannone Giovanni è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Ragusa, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

Giannone Giovanni cl.46

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.