2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Erba e sabbia sull’auto di Veronica: arrivano dal Mulino vecchio?

1 156

Le tracce di erba e di terriccio ritrovate sull’auto di Veronica Panarello potrebbero essere compatibili con le campagne del Mulino Vecchio. Lo scrive il settimanale ‘Giallo’, che fornisce nuove indiscrezioni sul caso Loris, il bambino di 8 anni assassinato lo scorso 29 novembre a pochi chilometri dal centro abitato di Santa Croce. L’accusa di omicidio è stata formulata nei confronti della madre di Loris, Veronica Panarello appunto, che è attualmente rinchiusa nel carcere di Agrigento. Secondo quanto riportato da ‘Giallo’, il terriccio e i detriti di erba e sabbia rivenuti sui sedili e sui tappetini della Polo nera, in piccole quantità, saranno presto comparati con quelli del Mulino vecchio, dove è stato ritrovato il corpo senza vita del bambino e dove, stando alle ricostruzioni delle telecamere di sorveglianza, la Panarello si sarebbe recata la mattina stessa dell’omicidio. Se gli esami dovessero risultare positivi, ne deriverebbe una svolta importante per le indagini.

 

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. elisabetta dice

    Gentilissimi, va bene riportare le indiscrezioni da altra stampa, ma…. tutti, proprio tutti, abbiamo visto infinite volte le immagini e i filmati pubblicati il 1 dicembre in cui appare Veronica, stravolta dal dolore, sorretta dal marito e da un poliziotto in alto grado che le dà un buffetto, nei pressi del canalone. Mentre, insieme, stavano calpestando quei terricci e quelle erbe.
    Quindi, che oggi, maggio 2015, si possano identificare sulla sua vettura terriccio ed erbe con quella provenienza è una certezza, una semplice ovvietà. Il motivo, tuttavia, non si può ascrivere ad altro che a quella dolorosissima perlustrazione.
    La procura non ha immediatamente sequestrato l’auto il 29 novembre!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.