biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

E’ il 2 Giugno, Festa della Repubblica: favola o realtà? di G.Nicolini

0 132

Quest’anno il mese di giugno inizia con alcuni avvenimenti politicamente importanti: il primo giugno commentiamo i risultati delle elezioni in 7 regioni italiane e in numerosi importanti Comuni siciliani, tra i quali Gela ed Agrigento, e, quindi, la cosiddetta nuova politica che avanza, al contempo leggiamo dei funerali di un militante della politica isolana, quale fu Lino Leanza e del lutto che ha colpito la politica etnea. Il 2 Giugno festeggiamo la nostra Repubblica, che ai sensi del combinato disposto dagli artt. 1 e 4 della Costituzione, è “democratica, fondata sul lavoro… riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e (ne) promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto… pur assegnando ad ogni cittadino il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società”.

Curiose e misterise coincidenze queste! Cosa deve essere la “buona politica” in una Repubblica democratica se non “una funzione che concorre al progresso materiale e spirituale della società”? E chi in Sicilia si sentì isprato da questi principi? Proprio l’ex vice-governatore Leanza che, pur essendo da sempre un moderato, si presentò alle ultime Regionali con un partito da lui battezzato “Art. 4”. Un moderato che rappresenta il 49% dell’elettorato che alle elezioni regionali ed amministrative del 31 maggio ha scelto di non votare! Quindi è questa l’aria che si respirerà il giorno della Festa della Repubblica: aria stantìa di sfiducia (l’astensionismo), di reazionismo (l’avanzare della Lega e del Movimento 5 stelle), di militanza partitica, farcita di veleni e maggioranze bulgare (le vittorie del Pd in 5 delle 7 regioni italiane al voto e in Comuni come Gela ed Agrigento).

Ed è quest’aria “malaticcia” che ci introduce alla stagione estiva: la Città del Sole non ne viene risparmiata, anzi! La querelle su c.d. “Marchio Montalbano” spacca l’opinione pubblica e fa dimenticare una querelle piu antica e tragica: quella sulla “Mediale”! E mentre l’unico gadget che riusciamo a “vendere” a sparute comitive della “terza età” e a coraggiose “coppie di sposini” recante il “marchio Montalbano” è la villetta (di stile archiettonico kich, come direbbero Sgarbi o Fuksas!) di un eccentrico avvocato che ha prestato (dietro lauto compenso!) la sua alcova e la sua veranda al mitico Commissario, inizia pian piano, sommessamente, pigramente il solito melodramma: fascia costiera con spiagge sporche e non ancora attrezzate; con strade di collegamento dal manto stradale accidentato come un campo di battaglia, costellate da mini-discariche abusive e cassonetti per i rifiuti insufficienti, maleodoranti e stracolmi, assenza di raccolta differenziata; insufficienza di parcheggi, di bagni pubblici, di aree per i nostri amici a quattro zampe, di lungomari, di siti archeologici visitabili dai turisti (a meno che non si trasformino in deliziosi roditori!); abbondante presenza di strumenti punitivi per automobilisti, di “operazioni di restyling!” concentrate solo ed esclusivamente sul “borgo” (ormai si chiama cosi!) marinaro (ma dove sono i marinai?) di P.Secca (ove risiede il Governo-ombra della città! D’Alema docet!), di comitati di villeggianti imbufaliti ecc. ecc. ecc… Che inizino le danze… la Festa è appena cominciata!

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.