biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Agricoltura, scoperti 8 lavoratori in nero: 60mila euro di sanzioni

0 115

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Ragusa, insieme agli Ispettori del Lavoro civili e su impulso del Direttore Territoriale del Lavoro, nel contesto di controlli anti caporalato in agricoltura degli ultimi dieci giorni, hanno ulteriormente scoperto lavoro nero e violazioni in materia di contratti. Da tempo i Carabinieri hanno posto l’attenzione sulle prestazioni lavorative irregolari di cittadini stranieri nelle campagne del ragusano, che per il momento ha portato all’emersione di diversi episodi di lavoro nero: l’obiettivo è perseguire tutte quelle forme odiose che ruotano attorno allo sfruttamento del lavoro.

Gli operanti nel complesso hanno:

  • controllato 5 ditte e verificato 24 posizioni lavorative;
  • scoperto 8 lavoratori in nero, di nazionalità rumena, su 8 presenti in due diverse aziende agricole;
  • scoperto 16 lavoratori irregolari, di nazionalità rumena e tunisina, su 16 presenti in altre tre aziende agricole;
  • contestate sanzioni amministrative per oltre 60.000,00 €;

Nel corso delle operazioni i militari controllavano :

  • una prima azienda agricola, nell’agro di Vittoria, in cui rilevavano la presenza di 7 lavoratori rumeni in nero su 7 presenti, cui non veniva applicata la sospensione dell’attività imprenditoriale, come disposto a livello ministeriale, per non compromettere il raccolto;
  • una seconda azienda agricola, nell’agro di Acate, in cui emergeva la presenza di 1 lavoratore tunisino in nero su 1 presente, ma che non veniva sospesa poiché microazienda;
  • una terza azienda agricola, ancora nell’agro di Vittoria, in cui contestavano al titolare l’impiego di 1 lavoratore rumeno irregolare su 1 presente;
  • una quarta azienda agricola, nell’agro di Vittoria, in cui contestavano all’imprenditore agricolo l’impiego di n. 12 lavoratori rumeni e n. 2 lavoratori tunisini irregolari su 14 presenti;
  • una quinta azienda agricola, sempre nell’agro di Vittoria, in cui emergeva ulteriormente la presenza di 1 lavoratore irregolare su 1 presente.

La lotta dei Carabinieri della Tutela del Lavoro ad ogni forma di illecito giuslavoristico e per la sicurezza nei luoghi di lavoro, vede una nuova stagione ed un ulteriore rilancio grazie al rinnovato impegno dell’Assessorato al Lavoro e del Dipartimento del Lavoro della Regione Siciliana. Contratti in regola, assenza di pericoli nei luoghi di lavoro, dignità del lavoratore rispettata: questi gli obiettivi che i Carabinieri perseguono, nella certezza che la divulgazione di queste attività serva da monito a coloro che ancora non hanno scelto la via della regolarizzazione del lavoro e che ancora non rispettano la manodopera che utilizzano. Peraltro con l’introduzione del Job Act chi ulteriormente non regolarizza i propri dipendenti è ancora più colpevole.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.