2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Acqua, passa riforma all’ARS: ora anche il Comune deve adeguarsi

0 212

La nuova riforma dell’acqua approvata dall’Ars qualche giorno fa, non passerà alla storia per la celerità con cui è passata, né tanto meno per aver reiterato che l’acqua è e rimarrà pubblica, perché contiene alcune norme di «solidarietà» come la garanzia di un quantitativo «minimo vitale» di 50 litri al giorno per i cittadini morosi e un fondo di sostegno per il pagamento delle bollette delle famiglie meno abbienti. Inoltre, l’acqua che non può essere utilizzata per fini alimentari avrà una tariffa scontata del 50%, come prevede un emendamento del governo Crocetta votato dall’aula. Per quanto riguarda la gestione, la riforma tende a incentivare l’affidamento al gestore pubblico: innanzitutto è la stessa assemblea dell’Ato a scegliere il proprio modello gestionale, che comunque va individuato attraverso procedure di evidenza pubblica. In secondo luogo il ricorso a privati è possibile solo nel caso si dimostri più conveniente rispetto a quello pubblico. Scompaiono poi, rispetto al passato, le convenzioni pluridecennali: ogni affidamento potrà durare un periodo non superiore a nove anni. In caso di interruzione del servizio per più di quattro giorni ad almeno il 2% del bacino, il gestore privato andrà incontro a una maxi-sanzione compresa fra i 100 e i 300 mila euro per ogni giorno di interruzione, e alla possibilità di risoluzione del contratto. Quindi è arrivato finalmente il momento che il consiglio comunale di Santa Croce Camerina riprenda in esame il regolamento dell’acqua affinché venga adeguato alla norma regionale, cassando articoli, ritenuti da sempre vessatori e poco rispettosi a quello che è definito il “diritto all’acqua perché è vita” e per affermare il ruolo dell’amministrazione comunale che negli ultimi anni non c’ è mai stato.

Nella foto in alto interno sorgente Paradiso

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.