Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Muore a 19 anni per una emorragia cerebrale mentre era in vacanza. Un diciannovenne catanese, appena diplomato, continuerà a vivere attraverso i propri organi che daranno speranza a diverse persone. Succede a Catania dove i genitori dello sfortunato giovane hanno dato il consenso al prelievo di cuore, fegato e reni che è stato eseguito ieri sera dell’ospedale Garibaldi di Catania, diretto dal dottor Pintaudi. Diplomato a giugno col massimo dei voti, il ragazzo era stato colto da malore la sera del 26 luglio scorso mentre si trovava in vacanza a Punta Braccetto.

Per il prelievo degli organi è stato necessario un intervento straordinario sui turni ospedalieri. Il direttore generale del Garibaldi, Giorgio Santonocito, ha autorizzato il mantenimento in servizio di circa 50 persone tra medici ed infermieri per consentire il mantenimento in vita degli organi da prelevare e per tenere aperta la sala operatoria per dodici ore consecutive fra osservazione ed espianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa – Confronto Cartabellotta-Crocetta. Sospeso il decreto di riparto dei fondi per i Liberi Consorzi Comunali

Al termine dell’incontro di oggi tra il Commissario straordinario del Libero Consorzio Com…