Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Alcune settimane fa un imprenditore modicano si rivolgeva alla Polizia denunciando i continui furti di carburante da ruspe, scavatori e cingolati presenti in una cava di estrazione di argilla sita in una zona periferica di Scicli a cui ignoti accedevano nottetempo, o nelle prime ore del giorno, quando col favore dall’oscurità, tranciavano il lucchetto del cancello e, muniti di un tubo –pompa, riempivano diversi serbatoi che si portavano a seguito.

A incastrarlo è stata la fotografia sulla richiesta del porto d’armi presentata poco tempo prima alla Polizia. Per un 55enne di Scicli A.S., incensurato, è scattata la denuncia per furto aggravato di carburante. Le indagini hanno consentito di individuare il presunto autore dei furti grazie alle riprese eseguite da una microtelecamera che era stata nascosta tra le sterpaglie, proprio nelle vicinanze dei mezzi presi di mira.

Le riprese hanno mostrato chiaramente la dinamica del furto e l’abilità con cui l’uomo di mezz’età, dopo aver spezzato il lucchetto del cancello, è riuscito a entrare nel cantiere per rubare il carburante. Gli agenti hanno confrontato le immagini con la foto sulla richieste del porto d’armi, e non hanno avuto dubbi. Il 55enne è stato trovato anche in possesso di alcuni bidoni con il gasolio rubato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Elezioni Regionali – Stefano Parisi, il 25 ottobre, sarà a Comiso e Ragusa a sostegno di Assenza e Musumeci

Il fondatore di “Energie per l’Italia” Stefano Parisi, esponente di spicco del centrodestr…