Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Da un lato curiosi e semplici passanti, che depongono un fiore per il piccolo Loris. Dall’altro gente senza scrupoli, che ha deciso di fare del Mulino vecchio l’ennesima discarica abusiva a cielo aperto. L’area, che si trova a pochi chilometri dal centro di Santa Croce, non gode già di buona fama a causa del terribile omicidio perpetrato ai danni del piccolo Loris Stival, trovato in quel posto – senza vita – lo scorso 29 novembre. Adesso, a questa macchia eterna, si aggiunge una problematica ambientale seria. La zona del Mulino, dove una volta le famiglie si recavano per prendere l’acqua, è diventata una deposito per rifiuti di ogni tipo: vestiario di ogni tipo, scatole, residui edilizi, grossi fusti. Nei giorni scorsi è stato sollecitato anche l’intervento della Polizia Municipale per mettere fine a questo scempio. Il divieto di scarico rifiuti, presente e ben visibile, non lo rispetta più nessuno. Anche Fare Ambiente ha segnalato il problema alle autorità competenti: “Grazie all’intervento dei vigili siamo riusciti a risalire all’identità di un incivile – spiega il coordinatore provinciale, Salvatore Mandarà -. Ma quell’area va ripulita come segno di rispetto nei confronti di chi non c’è più. Chiediamo che il sindaco Iurato e l’assessore all’Ambiente Allù abbiano tolleranza zero nei confronti di questi episodi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Torna la Ciclolonga della Solidarietà: domenica alle 8.30 scatta Pedalavis

Pronti… VIA!!! Anche quest’anno è arrivato il tanto atteso appuntamento con “Pedalavis”, l…