Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Dal 18 ottobre 2015 non sarà più obbligatorio esporre il contrassegno assicurativo sul parabrezza dell’auto per dimostrare di essere coperti da una polizza Rc Auto. La copertura assicurativa del veicolo sarà effettuata attraverso la verifica della targa durante i posti di blocco attuati dalle Forze dell’Ordine o con dispositivi a distanza come tutor, autovelox o telecamere. Con i nuovi controlli, sarà possibile verificare più rapidamente quali veicoli siano in regola e quali no contrastando così in modo più efficace l’evasione assicurativa.

Inoltre con l’entrata in vigore delle nuove normative sarà quasi impossibile falsificare i tagliandi cartacei da esibire sul parabrezza a testimonianza della copertura Rc auto. La falsificazione dei tagliandi assicurativi è una piaga assai diffusa nel nostro Paese con circa 3,9 milioni di veicoli che viaggiava, nel 2014, senza assicurazione. Nella prima fase di entrata in vigore della nuova disciplina, le compagnie continueranno a consegnare agli assicurati ancora il tagliando di carta che non dovrà essere esposto e avrà solo finalità informative. Al termine di questa fase il tagliando non verrà più consegnato. In ogni caso chi verrà trovato sulle strade italiane senza assicurazione rischia una multa da 841 a 3.366 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il progetto di Avis e Mov. Animalista: “Donare due volte: una casa e una vita”

In occasione del Natale solidale 2017, l’Avis di Santa Croce Camerina e il Movimento…