Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Una determina dirigenziale circolata in questi giorni in città, sta creando un certo disagio ai cittadini. Di cosa si tratta è presto detto: “Si invitano tutti i concessionari di lotti cimiteriali ad eseguire le opere necessarie per rimuovere dagli spazi antistanti le proprie cappelle gentilizie o i propri monumenti funerari, tutti gli scalini, i marciapiedi e le fioriere sia fisse che mobili, al fine di assicurare il decoro architettonico del cimitero comunale. Il tutto deve essere eseguito entro l’1/3/2016. Agli inadempienti sarà avviato un procedimento di infrazione edilizia”. Questo in sintesi il contenuto dei volantini fatti circolare dall’Ufficio Tecnico Comunale. A fondo pagina trovate il testo completo del documento. Naturalmente una certa apprensione è iniziata a serpeggiare fra i tanti possessori di loculi e cappelle, che l’hanno interpretata come l’ennesimo balzello a loro carico, perché queste opere, seppur di scarso valore economico, sono comunque un esborso. Ci è arrivata una precisazione in merito da parte dell’assessore ai lavori pubblici Domenico Aprile, che chiarisce: “Ci si può rivolgere all’ufficio tecnico per chiarimenti e per verificare quali effettivamente opere bisogna rimuovere, senza creare nessun allarmismo. Esiste un regolamento di Polizia Mortuaria approvato con Consiliare n. 4/98, a cui non era stato mai dato corso, quindi è arrivato il momento di regolare questo fenomeno di piccoli abusi edilizi”.

Clicca qui per vedere la determina

2 Commenti

  1. mariasole

    9 ottobre 2015 a 10:25

    Cercano i piccoli abusi edilizi al cimitero, e non controllono gli abusi nelle zone a mare in particolar modo le verande e gli scalini costruiti sulla spiaggia di Punta Secca-zona Montalbano.
    Invece gli scalini e le fioriere al cimitero, dove molte persone anziane con tanti sacrifici si sono costruite le cappelle sono indecorose. E parlano di decoro, ma dove vivono? DOVE’ il decoro e la pulizia a S.Croce?
    E’ veramente vergognoso.

    Rispondi

  2. Giovannella

    11 ottobre 2015 a 15:14

    Ma che andassero a vedere l’abusivismo tra i vivi, invece di disturbare i morti. Che squallore!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ la domenica della prevenzione: controlli di glicemia e pressione arteriosa

“Lo screening è vita”: con questo slogan l’Associazione Volontari del Soccorso di Santa Cr…