Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il servizio della trasmissione ‘Le Iene’ sull’abbattimento della fatiscente ex caserma della Guardia di Finanza di Punta Secca, ha creato discussioni, distinguo e commenti – a volte sarcastici a volte di comprensione – nei confronti dell’Amministrazione comunale, in base agli orientamenti e ai vari punti di vista. Comunque, registriamo il commento dell’architetto Mormina, dirigente dell’U.T.C. (Ufficio tecnico comunale)  rilasciato ad una collega:

Domanda. E’ stata buttata giù una Caserma Borbonica!

Risposta. No, era già stata demolita da un cinquantennio di incuria.

D. Senza nessun parere e autorizzazioni?

R. Ho il parere della sovrintendenza che nel 2009 ha messo per iscritto che l’immobile non aveva alcun requisito storico, ma di essere compromesso e pericoloso, a rischio crollo. Abbiamo anche il parere dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile che ne hanno certificato la pericolosità statica.

D. Ma era pur sempre una Regia Dogana Borbonica!

R. Lo stabile non era inserito fra le strutture di valore storico, era soltanto un ricettacolo di sporcizia e pericoloso per la salute pubblica e nessuno, comunque, aveva ritirato il parere di cui sopra, relativo al 2009. I Finanzieri che lo occupavano sono andati via “di corsa” in quanto il solaio era in latero-cemento, quindi mi sono attenuta alle carte che abbiamo in mano.

D. Lei, quindi, non è a favore delle conservazioni?

R. Sbagliato. Ho studiato a Firenze, conosco il valore della memoria storica e della conservazione di essa, ne è la prova il restauro della “Torre Saracena” in piazza Torre, sempre a Punta Secca. Abbiamo restituito alla comunità un bene di pregio, che qualcuno voleva soltanto pitturare non in modo adeguato.

D. Ha in corso per questa vicenda un procedimento penale.

R. Ma sono serena. Carta canta.

Questo è quanto, un commento e delle risposte alquanto scarne. Lasciamo lavorare gli inquirenti, la verità prima o poi verrà a galla. Giustizia sarà sicuramente fatta.

foto26

15 Commenti

  1. giovannella

    14 ottobre 2015 a 13:25

    In tutta questa vicenda, abbiamo potuto benissimo vedere chi tra tutti ha fatto l’ennesima figuraccia, ed ha perso un occasione per stare in silenzio, piuttosto che interrompere la conversazione col sindaco, portando il vassoio dei maccallè… Una figuraccia,che si commenta da sola!!!

    Rispondi

  2. Mariuccia

    14 ottobre 2015 a 13:46

    Di storico in quella fatiscenza, non ci vedevo proprio nulla e sono stata favorevole al suo abbattimento, almeno il luogo ha preso aria. Però magari sarebbe stato più opportuno farlo col dovuto permesso, evitando tutta questa fretta. Per il resto, mi trovo d’accordo con Giovannella, l’assessore Allù ha proprio fatto una pessima figura, a quanto pare sa fare solo questo.

    Rispondi

  3. Nostalgico

    14 ottobre 2015 a 13:51

    Ah… caro Nicola Puglisi, quanto ti rimpiangiamo!!!

    Rispondi

  4. Dario Di Martino

    14 ottobre 2015 a 14:00

    Allù a mio parere vige in uno stato di pessima figura da quando è in carica di assessore

    Rispondi

  5. Antonello Firullo

    14 ottobre 2015 a 16:24

    Strano i miei documenti di cui sono in possesso dicono esattamente il contrario di ciò che dichiara la signora. I vigili del fuoco non hanno mai dichiarato che la struttura era un pericolo di crollo come la sovrintendenza di Ragusa che invece ha da subito intimato al comune di non toccarla fermo restando che la struttura era come ora l’area della regione siciliana demanio marittimo che non è in possesso del comune. La magistratura farà le opportune indagini come già lì sta facendo vedremo alla fine chi ha ragione per intanto siete stati soprattutto lei beccati dalle iene e non mi pare abbiate gatto tanta bella figura. Se così fosse mi chiedo il perché non avere mostrato a Gaetano Pecoraro la documentazione come l’ordinanza di demolizione imposta per legge ma mai approvata dalla giunta.

    Rispondi

  6. OSSERVATORE

    15 ottobre 2015 a 09:08

    …indubbiamente i buon Allù poteva evitare quella “sciuta”, anche se le cose non sono andate esattamente così!!! Tutto merito di un montaggio dei filmati fatto ad hoc e “manovrato” SOLO per far apparire alcune cose e nasconderne altre. IN OGNI CASO: ho capito male o c’è la Magistratura in mezzo da una parte e una TV commerciale dalla parte opposta che tende solo a far audience? BENE! Allora: legittimo commentare, ognuno col proprio bagaglio ideologico e di principii, i fatti di cui è a conoscenza, e i “personaggi” più o meno coinvolti, ma continuare a fare un PROCESSO QUI, affermando di avere documenti e qunt’altro, mi pare solo fare inutile e strumentale RUMORE. Le “carte” Firullo le porti alla Magistratura e non enunci i suoi teoremi di parte e interessati che non possono trovare alcun riscontro qui.

    Rispondi

    • OSSERVATRICE

      15 ottobre 2015 a 10:03

      Osservatore, il termine “manovrato” , mi fa pensare ad una cosa ben precisa, ovvero, chi manovra la sindaca??… Credo che la risposta sia molto semplice.

      Cordialità

      Rispondi

    • Osservatrice di macallè

      15 ottobre 2015 a 10:33

      Chiamate ad Allù , che non un bel vassoio di “democratici” macallè, sistema tutto quanto.
      Nel video, il signor Allù, tra un macallè e l’altro, ha chiesto alla iena: Chi è che vi pilota??..
      A quanto pare lui è ben informato sul pilotare le persone , visto come pilota la sindaca.

      Rispondi

  7. osservatore dell' osservatore

    15 ottobre 2015 a 09:41

    Osservatore per certi aspetti sono d’ accordo con lei anche se non sono del tutto convinta su certe situazioni. Qua in fondo si fa solo chiacchiera e allora diamogli il peso che merita; ciascuno credo abbia il diritto di far RUMORE come meglio crede, senza però offendere nessuno, Come fa a sapere cmq che le ” cose non sono andate esattamente cosi” ? Cosa è stato nascosto ? Ci racconti lei . Sarebbe utile conoscere cose in più che la TV non ha raccontato. Come fa poi lei a conoscere questi dettagli così particolari ? Era presente durante le riprese ? Grazie

    Rispondi

    • OSSERVATORE

      15 ottobre 2015 a 11:53

      Anche io sono in parte d’accordo con Lei sa? Alla fine diamo alle chiacchiere il peso che meritano. Ma Le chiedo: allora sarà stato forse presente Lei o qualcun altro, o è a conoscenza delle varie documentazioni per affermare che quello che è stato trasmesso è oro colato? Me lo augurerei, mi creda, in nome della verità… così finirebbe questa infausta diatriba, qualsiasi fosse l’esito! Una cosa è certa: se i processi venissero fatti con questa “disinvoltura”, si concluderebbero in meno di 1 Settimana!

      Rispondi

  8. Antonello Firullo

    15 ottobre 2015 a 10:10

    Osservatore mi mancava la sua. Innanzitutto come ho già detto molte volte ma sembra che lei non sente e non vede bene come altri suoi amici al comune, le mie carte sono già in magistratura con tanto di mia firma e non in forma anonima come sempre lei si presenta vergognosamente. Erano altre le sparate che doveva evitare il suo amico allu non proprio i macalle ma altre. Mi pare abbastanza chiaro che il servizio delle iene ha evidenziato invece e anche molto bene la situazione della demolizione e le dirò di più caro osservatore anonimo delle mie ciabatte che ancora non è finita qui. Le iene lavorano sempre

    Rispondi

  9. OSSERVATORE

    15 ottobre 2015 a 14:24

    Mamma mia, Sig. Firullo!!! Credevo nominasse alcune parti anatomiche, piuttosto che le “ciabatte”… davvero un Signore! Grazie, comunque, per aver confermato, come qualcuno sospettava, che Lei è molto “vicino” a LE IENE. Come vede, caro “osservatore dell’osservatore”, il livello del discorso è veramente basso!!! MOLTO basso!!! Buona giornata 🙂

    Rispondi

    • osservatore dell' osservatore

      15 ottobre 2015 a 15:21

      Anche lei però svia le mie domande. Eppure sono stata abbastanza chiara in merito ? Ha tutto il diritto di non farlo… ma perchè non risponde a quello che le ho chiesto ?

      Rispondi

      • Mariuccia

        15 ottobre 2015 a 15:58

        Questo “osservatore” , sarà il gemello di Allù , con le tristi ironie ci va a braccetto

        Rispondi

  10. Giulia

    15 ottobre 2015 a 14:45

    Mah, si vede che la Camperia di Marina di Ragusa non ha insegnato niente. Eppure qualcuno una cantonata la beccò già allora…… Camperia non docet.
    shhhh…… Mutu cu sapi u iocu.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ la domenica della prevenzione: controlli di glicemia e pressione arteriosa

“Lo screening è vita”: con questo slogan l’Associazione Volontari del Soccorso di Santa Cr…