Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Tanto rumore per (quasi) nulla. Il Consiglio comunale è ripreso dopo la sospensione di lunedì sera, a seguito della mancata approvazione del piano triennale delle opere pubbliche. E non ha riservato grosse sorprese, se non il ritorno di Maria Zisa nelle file della maggioranza. Il suo voto, non dichiarato, aveva consentito a Carmelo Portelli (‘Noi ci crediamo’) di guadagnare la presidenza del Consiglio con un vero e proprio ribaltone. Ma la Zisa, dopo aver assicurato di votare di volta in volta secondo coscienza, nel giro di 72 ore è tornata sui suoi passi: “Io sono nel gruppo di maggioranza perché ho sposato il programma di questa Amministrazione”. Quindi, avanti insieme. Il sindaco, fino al prossimo scossone, resta al riparo da possibili “agguati”.

Il piano triennale delle opere pubbliche – approvato con 8 voti favorevoli e 7 contrari – ha dato priorità alla realizzazione del belvedere di Punta Secca (con un progetto di riqualificazione già in atto dal costo di 568mila euro). La realizzazione della rete fognaria mancante, invece, è declassata a ‘priorità 2’ (qualcuno del pubblico ha inveito contro sindaco e consiglieri: “Vergognatevi”). Il primo cittadino, durante il suo intervento, ha bocciato la tenenza dei carabinieri: “Non ci sono i presupposti perché si possa fare nell’immediato. Non esiste alcun progetto, ma solo l’assegnazione dello spazio”. Dai banchi dell’opposizione, durante le dichiarazioni di voto, è partita una forte contestazione verso il modus operandi della maggioranza: “Rimangono attaccati alle poltrone perché un’occasione simile non si riproporrà” ha commentato Agnello. “Vi state assumendo una grave responsabilità” ha tuonato Pernice, cui fa eco Santina Caccamo: “Ho capito che i colleghi della maggioranza preferiscono una piazza a un servizio fondamentale come la rete fognaria. Non voterò mai questo piano triennale”. Al termine di una lunga discussione, intorno all’1 della notte, anche il Bilancio di Previsione 2015 è stato approvato con 8 voti favorevoli e 7 contrari.

Precisazione del sindaco Franca Iurato su Piano triennale opere pubbliche

La presente, al fine di far chiarezza e dare corretta informazione alla cittadinanza a seguito di un dato errato riscontrato nell’articolo di Paolo Mandarà dal titolo “Approvato il bilancio, Zisa torna nella maggioranza, il sindaco è salvo”. Nel sopracitato articolo si legge la frase che riporto testualmente: “La realizzazione della rete fognaria mancante, invece, è declassata a ‘priorità 2”.  Segnalo al direttore che, pur avendo assistito al Consiglio, avrà inteso male e trascritto di conseguenza l’esatto contrario di ciò che nella realtà è stato deliberato. Affermo dunque che la rete fognaria non è stata declassata ma anzi, da priorità 2, quale già era, è passata a priorità 1 (entrando nel piano annuale del 2015). Per dovere di cronaca e rispetto della verità Vi chiedo di pubblicare la presente nota di rettifica anche per tranquillizzare i cittadini che, come da Voi riportato, hanno parimenti frainteso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Nella morsa di acqua e vento: bufera fra S.Croce e P.Secca, abbattuto un pino

Piogge e forti raffiche di vento, domenica mattina, hanno sferzato tutta la provincia di R…