biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Caucana, arresto in flagranza per un ladro albanese: scatta espulsione

0 167

I militari della stazione carabinieri di Santa Croce Camerina hanno arrestato un ventitreenne per furto in abitazione. Ieri notte i carabinieri erano come di consueto impegnati in un servizio di controllo del territorio a Santa Croce Camerina. Un cittadino residente a Caucana ha telefonato al 112 segnalando dei movimenti sospetti presso un’abitazione vicina. Subito la centrale operativa ha inviato sul posto l’autopattuglia più vicina, della stazione di Santa Croce, seguita a breve distanza da altre tre da Ragusa. I militari, giunti sul posto, hanno riscontrato l’effrazione della porta e, entrati, hanno trovato un ladro che è stato immediatamente bloccato e arrestato per il reato di furto in abitazione in concorso. Addosso al giovane i carabinieri hanno trovato due grossi cacciaviti e della refurtiva, profumi e monili, che sono stati direttamente restituiti al proprietario della casa, un sessantenne comisano.

Lungo la strada, nei pressi dell’abitazione “visitata”, i militari hanno trovato l’auto con la quale probabilmente ladro era arrivata sul posto, intestata a un suo amico, priva di assicurazione, che pertanto è stata sequestrata. I militari stanno indagando ulteriormente per chiarire la posizione del proprietario dell’auto, sospettando che potesse essere il palo del “colpo” ed essere fuggito a piedi per le campagne all’arrivo dei carabinieri. I carabinieri quindi sono andati a perquisire l’abitazione dell’arrestato nella speranza di trovare altra refurtiva. E infatti hanno trovato un ciclomotore che era stato rubato un anno fa a Ragusa e lo hanno sequestrato in attesa di restituirlo al proprietario. Il giovane è stato denunciato quindi anche per il reato di ricettazione. L’arrestato, Adenis Tosku, 23enne albanese nullafacente domiciliato a Santa Croce, è stato quindi condotto in caserma e sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici. Quindi, d’intesa col pubblico ministero, dott.ssa Valentina Botti della Procura della Repubblica iblea, è stato accompagnato al carcere di contrada pendente a Ragusa.

I carabinieri hanno anche scoperto che l’arrestato è irregolare sul territorio nazionale e quindi al momento della sua liberazione dal carcere lo accompagneranno al CIE per l’espulsione. I carabinieri quotidianamente e senza sosta cercano di controllare tutto il territorio ibleo che purtroppo per la sua vastità, specie delle aree rurali e costiere, è difficilmente vigilabile. Per fortuna ci sono tanti cittadini che vigilano, orecchie e occhi che stanno di sentinella e che segnalano movimenti sospetti al 112 talché i carabinieri possano il più celermente possibile intervenire miratamente.

TOSKU_Adenis

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.