Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – in ordine alla scomparsa di Maria Di Martino, verificatasi il 22.02.2005 (che vede come imputato il genero Giuseppe Maurici davanti alla Corte d’Assise di Siracusa) ha continuato a ricercare notizie utili in merito alla vicenda delittuosa, atteso che la donna non è stata mai ritrovata e che, per come riscontrato durante le indagini, si è sempre ritenuto che il corpo della stessa fosse stato occultato dopo l’omicidio, stante anche la scomparsa di un’ingente somma di denaro. Il corpo della donna era già stato cercato in altri territori ma mai nella casa dell’odierno imputato. Il processo è ancora in corso e proprio ieri si è celebrata una delle tante udienze che vedono il Maurici imputato per il reato di omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

Le indagini della Squadra Mobile, nel trattare il “cold case”, si sono concentrate in questi giorni nella casa di Maurici a S.Croce Camerina, in quanto le ultime notizie facevano sospettare che l’uomo, all’epoca dei fatti, avesse occultato il cadavere nelle fondamenta della casa in costruzione di sua proprietà. Allo scopo di riscontrare e quindi verificare i sospetti degli investigatori, poche settimana addietro, si appurava che qualche giorno dopo la scomparsa della donna, il genero acquistava diversi metri cubi di cemento, elemento che, stante la tragicità degli eventi occorsi, appariva alquanto anomalo. Maurici, inoltre, sin dai primi atti investigativi appariva come uno dei probabili responsabili della scomparsa della donna, difatti è stato rinviato a giudizio ed oggi è imputato.

Alla luce delle nuove informazioni assunte dalla Squadra Mobile di Ragusa, la Procura della Repubblica ha delegato gli Ufficiali ed Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Questura di Ragusa, il Servizio Polizia Scientifica di Roma e le Unità Cinofile Molecolari di Palermo alla ricerca nella casa dell’imputato Maurici di tracce di resti umani. Gli investigatori, per ben tre giorni hanno dunque utilizzato speciali strumentazioni della Polizia di Stato per “radiografare” le strutture della casa sita a Santa Croce Camerina, comprese le fondamenta, per poi ispezionare i luoghi con i cani molecolari addestrati alla ricerca di resti umani. Le ricerche hanno permesso alla Squadra Mobile di acquisire importanti elementi che potrebbero fornire novità rilevanti ed utili. Alcuni reperti sono stati inviati al servizio di biologia della Polizia Scientifica per appurare se ciò che è stato sequestrato può essere attinente alle indagini. I risultati saranno consegnati a breve, considerato che il processo a carico di Maurici è tutt’ora in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…