Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Quarto pareggio consecutivo per Santa Croce che, nella quinta giornata del girone di ritorno del campionato di Promozione, acciuffa un prezioso pareggio sul campo del forte Canicattì, rimanendo a pochi punti dalla zona playoff. Il risultato di 1-1 raggiunto al 90’ con una imperiosa incornata di Domicoli dopo novanta minuti giocati a mille all’ora da entrambe le formazioni, è avvalorato dal fatto di aver giocato per quasi tutta la ripresa in dieci uomini. La squadra di Calogero La Vaccara, infatti, dopo aver concluso la prima frazione di gioco in parità sullo 0-0, nella ripresa dopo cinque minuti veniva trafitta dalla rete di Pirrotta che raccoglieva la corta respinta di Annese su un tiro ravvicinato di Falsone e insaccava a porta vuota. Le cose si mettevano peggio per i biancazzurri camarinensi al 10’, quando da una palla persa a centrocampo da Incardona, gli agrigentini partivano in contropiede, costringendo Basile a fare fallo su Pirrotta; per il direttore era fallo da ultimo uomo e per il capitano biancazzurro scattava il cartellino rosso. La Vaccara decideva di mettere in campo Jatta e subito dopo Domicoli, ma il Santa Croce subiva la decisa azione d’attacco dei locali che in almeno tre occasioni fallivano il raddoppio, colpendo anche una traversa. Il Canicattì, così, pagava caro l’enorme spreco e nel primo minuto di recupero dopo il novantesimo, Domicoli raccoglieva di testa un preciso cross di Puglisi, mandando la palla nell’angolo opposto al portiere Sarcuto. Naturalmente felici tutti i protagonisti del Santa Croce al triplice fischio finale, convinti di averla scampata bene in un campo difficile contro una sicura protagonista di questa stagione. “Siamo stati baciati dalla fortuna, ma mi sento di dire che non abbiamo rubato nulla. – dice il presidente Giuseppe Micieli – Devo fare i complimenti a tutti i ragazzi per l’impegno profuso, anche quando siamo rimasti in inferiorità numerica. Non era certo facile per nessuno saper reagire contro questo Canicattì e per giunta in dieci uomini, per questo motivo la soddisfazione è doppia. Nelle ultime quattro gare abbiamo incontrato le migliori squadre della classifica del girone D, racimolando altrettanti pareggi, sarebbe opportuno conquistare l’intera posta in palio nella prossima gara di campionato quando fra le mura amiche affronteremo il forte Licata, attualmente al secondo posto della graduatoria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, Santa Croce contro il fanalino di coda. Agnello: “Guai a sottovalutarli”

Ritorna a giocare fra le mura amiche il Santa Croce di Gaetano Lucenti dopo l’ottimo explo…