biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Tenta di uccidere l’ex convivente in una serra: arrestato uomo di 41 anni

0 210

I militari della stazione carabinieri di Santa Croce Camerina hanno nella notte arrestato un uomo con l’accusa di tentato omicidio pluriaggravato, sequestro di persona aggravato e rapina, tutti reati commessi ieri sera nei confronti dell’ex convivente. Ieri sera, al comando stazione carabinieri di Santa Croce Camerina, s’è presentata una donna zoppicante e grondante sangue. Il militare che l’ha ricevuta, compresa al volo la gravità dell’accaduto, ha chiamato altri carabinieri e la guardia medica. Mentre la donna veniva curata – ne avrà per venticinque giorni – i carabinieri hanno acquisito quelle poche ma essenziali notizie per iniziare le indagini. La vittima conosceva l’aggressore, i due sono stati conviventi e hanno due figli. Lui, nascosto tra le serre, ha aspettato che lei rincasasse e poi l’ha aggredita alle spalle tappandole la bocca e ponendole il coltello sul collo. Dopodiché tirandola per i capelli l’ha trascinata all’interno di un casolare abbandonato ove l’ha ripetutamente colpita a calci e pugni. Quindi le ha mollato due fendenti con un grosso coltello da cucina. Il primo, andato a segno, alla coscia destra. Il secondo, diretto all’addome, sarebbe stato sicuramente letale ma la donna, spinta dalla disperazione e dall’istinto di sopravvivenza è riuscita a frapporre la mano destra e intercettare la lama, rimanendo però gravemente ferita al palmo della mano.

A quel punto, strattonandola, l’uomo ha buttato la donna in terra ove ha sbattuto la nuca ed è rimasta incosciente. Convinto di averla uccisa, si è fumato una sigaretta e ha chiamato il cognato (marito di sua sorella) comunicando di averla uccisa: il cognato e la sorella si sono precipitati sul posto a vedere. La donna, che nel frattempo s’era ridestata ma che fingeva di essere morta per evitare di essere ammazzata per davvero, a questo punto ha aperto gli occhi e ha chiesto aiuto ai parenti. L’uomo alla vista di ciò è fuggito a gambe levate gettando il coltello in un canneto. La vittima è rimasta nel casolare segregata per quasi due ore.

Ricostruita così la vicenda, i carabinieri si sono messi alla ricerca del criminale e l’hanno rintracciato presso la sorella, ammanettato e arrestato. Nella tasca della giacca dell’uomo i militari hanno trovato il telefonino della vittima. Quindi hanno portato l’arrestato in campagna e hanno cercato il coltello, riuscendo a trovarlo non lontano dalla catapecchia abbandonata. Questa è stata ispezionata dai carabinieri che vi hanno trovato copiose quantità di sangue. Nel frattempo la donna è stata portata in sala operatoria al “Guzzardi” di Vittoria ove i chirurghi le hanno ricucito tutte le lesioni tendinee al palmo della mano e la ferita alla coscia. Alla fine del lungo e laborioso intervento è stata ricoverata a ortopedia.

L’uomo, Alexandru Nitu, nullafacente incensurato di anni 41, è stato dichiarato in arresto con l’accusa di tentato omicidio pluriaggravato, sequestro di persona aggravato, rapina e porto di oggetti atti ad offendere. Informato il pubblico ministero, dott.ssa Monica Monego, della Procura della Repubblica di Ragusa è stato accompagnato al carcere di contrada pendente. Grazie a un po’ di fortuna e alla scaltrezza della vittima, si è evitato un altro femminicidio e grazie al tempestivo intervento e le fulminee indagini dei carabinieri un altro aspirante femminicida è dietro le sbarre.

NITU_Alexandru_1974

SONY DSC
SONY DSC

 

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.