Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Sotto una tempesta di vento e una pioggia a intermittenza, mercoledì 23 marzo, alle 10 in punto, sono state inaugurate due mini opere a Punta Secca. Si tratta di piazzetta della Torre e di un vicoletto che congiunge piazza Faro con piazza Della Concordia, ribattezzato via del Demanio. Malgrado l’inclemenza del meteo, il sindaco Franca Iurato, accompagnata da tre assessori (Aprile, Cuciti e Corallo, mancava solo Allù) ha voluto simbolicamente tagliare il nastro per queste opere, restituite alla comunità dopo un restyling durato circa tre mesi. Erano altresì presenti la dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale, Architetto Mormina, la dirigente ai Servizi Sociali dott.ssa Gulino, oltre ad una rappresentanza dei Vigili Urbani e i progettisti e le imprese che hanno realizzato i lavori. Per la loro realizzazione sono stati accesi due mutui da 99mila e 98mila euro. “Ma i soldi non sono stati spesi tutti” precisa l’architetto Mormina, difatti risulta un avanzo di circa 30mila euro che saranno spesi per la riqualificazione dei marciapiedi di piazza Concordia e di parte dell’area adiacente la chiesetta. “Oggi è stata restituita alla cittadinanza una stradina che nel passato era stata ridotta da privati cittadini ad una dependance della loro casa. L’abbiamo volutamente intitolata via del Demanio, cioè di tutti. Durante l’opera di ripavimentazione è stato possibile riportare alla luce pure il ceppo che segnala appunto il limite del Demanio”. Queste le parole del sindaco, palesemente soddisfatta delle opere eseguite.

Fotogallery di Lino Scillieri

2 Commenti

  1. alibaba

    23 marzo 2016 a 21:21

    VERGOGNA! con la situazione in cui imperversa il nostro paese, (strade, acquedotti zone marittime mercato ortofrutticolo, SITUAZIONE DELL’ AGRICOLTURA..ECC.), spendete quasi 200 mila euro per un’opera altamente inutile, che penso cambierà la vita a poche “scelte” persone. veramente complimenti….

    Rispondi

  2. franco

    25 marzo 2016 a 16:18

    200mila euro…. per metterci i piedi di sopra??

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Cartellone sparisce per la festa, poi riappare:”Perché blackout democratico?”

Ventiquattr’ore per vedere due cartelloni sparire e riapparire in piazza. Quello del grupp…