Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Reinventarsi a 50 anni e realizzare un desiderio, questo è l’obiettivo che Salvatore Sulsenti si propone. Questa presa di coscienza e’ nata innanzitutto da un’esigenza fisica: lui pesava ben 145 kg ed e’ riuscito con grande forza di volontà e con il movimento a perdere parecchio peso. Da qui l’idea di sfruttare la forza delle sue gambe per fare un giro di Sicilia, partendo il prossimo 28 maggio. “Il 28 maggio non è una data a caso – ha ammesso Sulsenti – corrisponde alla partenza della 44esima edizione del Passatore, una corsa di 100 km che parte da Firenze e arriva a Faenza. Tutto mi è venuto in mente perché volevo partecipare al Passatore per vedere se potevo farlo a piedi. Ho scritto alla loro segreteria e mi hanno detto che posso farla a piedi però devo farla nel tempo massimo in cui la fanno gli altri. Poi ho pensato che non potevo partecipare e mi sono detto: perché, allora, non faccio il giro di Sicilia? Questo non è solo il giro di un uomo di mezza età, ma un modo per reinventarmi”. Il percorso da intraprendere va da Marina di Ragusa e procede per la litoranea est fino al rientro a Marina di Ragusa, lungo il perimetro della Sicilia per circa 1200 km, in 35 giorni. Il suo profondo rammarico e’ di non aver trovato uno o più sponsor per affrontare le spese vive del tragitto. Occorrerebbero circa 3.500 euro, in media 100 euro giornaliere per affrontare vitto, alloggio e le spese per due paia di scarpe idonee, delle solette e calze a compressione graduata, tutto quello che serve per affrontare al meglio l’impresa. “Proprio oggi mi è arrivato un pacco di un sostenitore – ha aggiunto Sulsenti -, un’azienda che fa le solette migliori al mondo, dalla Svizzera. Mi sono arrivati anche altri piccoli sostegni da un’azienda francese. Di imprenditori locali o siciliani in genere non si è fatto vivo nessuno. Tutti sono diffidenti, se io diventassi una star tutti si farebbero avanti, invece sono uno sconosciuto. Mi fa rabbia sapere che mentre due aziende, una svizzera ed una francese, mi hanno offerto piccoli sostegni senza conoscermi quelle locali non si fanno sentire”. La prospettiva di questo giro della Sicilia e’ quella di creare una comunicazione itinerante che coinvolge tutte le attività siciliane, oltre che infondere nuova linfa all’autostima di un uomo che non vuole arrendersi, nonostante le vicissitudini della vita lo abbiano colpito duramente. La partenza del 28 maggio potrebbe anche slittare se la sponsorizzazione non giungerà in tempo, questo è il rammarico più grande di Sulsenti, ma noi vogliamo augurargli che qualche impresa possa promuovere questa passeggiata, unendo, così, l’utile al dilettevole: pubblicizzarsi diffusamente e sostenere un’iniziativa che potrebbe avere sviluppi successivi. Intanto noi gli facciamo il nostro “in bocca al lupo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, 2ª Categoria: Occhipinti e Vespertino, l’Atletico vince senza strafare

L’Atletico è brillante solo a tratti, ma basta un gol per tempo per aver ragione della Leo…