Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La Polizia di Stato – Squadra Mobile, U.P.G. e S.P. e Polizia Stradale – ha sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria il cittadino libico MUSA Abdulmalik Bashir Musa, nato in Libia il 24.01.1994 e residente in provincia di Milano, per il reato di ricettazione. La Polizia di Stato durante un controllo straordinario del porto di Pozzallo, in particolar modo dell’area dedicata alle partenze Malta, ha notato il cittadino libico a bordo di una lussuosa autovettura con targa svizzera. Il servizio di osservazione da parte della Squadra Mobile era finalizzato a “confondersi” tra i passeggeri in partenza per Malta così da poter verificare la presenza di persone sospette che stavano per imbarcarsi. Dopo 30 minuti di attività d’indagine veniva notata un’auto Land Rover con targa svizzera di grossa cilindrata del valore commerciale di 140.000 euro circa. Considerato che l’auto aveva targa svizzera ed il conducente era verosimilmente nord africano si procedeva al suo controllo, proprio mentre stava per imbarcarsi.

Il cittadino libico con regolare permesso di soggiorno italiano, riferiva ai poliziotti di aver percepito una somma di denaro solo per consegnare l’auto a degli acquirenti a Malta e quindi di aver solo trasportato il veicolo. L’immediata, quanto anomala, giustificazione del conducente ha dato inizio a controlli approfonditi sul veicolo. Polizia Stradale e Squadra Volanti hanno scandagliato l’auto da cima a fondo e la perquisizione ha dato esito negativo. Da un controllo della targa effettuato anche in ambito internazionale da parte dei poliziotti, è stato possibile appurare che l’auto fosse provento di furto e pertanto il conducente dovrà rispondere del reato di ricettazione.

L’uomo non ha saputo giustificare in alcun modo le modalità con le quali era entrato in possesso del veicolo rubato, pertanto, considerato il reato commesso gli operatori della Polizia di Stato hanno sottoposto il cittadino libico a fermo. Musa è stato condotto prima presso gli uffici della Squadra Mobile di Ragusa per la sua compiuta identificazione grazie all’intervento della Polizia Scientifica e successivamente in carcere su disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa. “La Polizia di Stato continua a vigilare sul porto di Pozzallo attraverso controlli straordinari che hanno come scopo quello di individuare qualsivoglia traffico illecito tra Italia e Malta. È di poche settimane fa l’arresto di 3 siracusani che stavano partendo con 20 kg di droga nel bagaglio, segno che le indagini sono indirizzate verso qualsiasi area di illegalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa – L’Asp 7 assume 46 infermieri. Sbloccati i concorsi per 7 nuovi primari

Il Commissario dell’Azienda Sanitaria di Ragusa, dr. Salvatore Lucio Ficarra, lo aveva già…