Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il rappresentante dell’associazione Sea’s Life, Giuseppe Stamilla, ha inviato una nota in redazione per sottolineare un errore nei cartelli che l’Amministrazione comunale ha fatto installare a ridosso degli arenili. Stamilla sottolinea, infatti, come l’ingresso dei cani nelle zone balneari non sia affatto regolato dall’ordinanza indicata nel cartello, bensì non trovi alcuna risposta – attualmente – in ambito legislativo. Ecco la nota che vi riportiamo integralmente:

“Buongiorno, voglio segnalare la cattiva ed errata informazione data dai cartelli che, anche quest’anno, l’Amministrazione comunale ha fatto affiggere nei varchi e nelle strade che portano sull’arenile. Mi riferisco al punto sei, ovvero al divieto per i cani di entrare a mare: la legge di riferimento cioè l’ordinanza di sicurezza balneare 01/2007 non è più in vigore da 6 anni, al momento vige la 29/2016 e inoltre ad oggi non esiste alcuna legislazione che regoli a livello nazionale l’accesso degli animali sul demanio marittimo, a parte l’obbligo del guinzaglio e della museruola, quest’ultima solo per le razze catalogate pericolose. Inoltre una eventuale ordinanza da parte del sindaco dovrebbe essere motivata e dovrebbe predisporre lungo il litorale delle zone attrezzate per gli amici a quattro zampe. Confidando nella vostra volontà di diffondere informazioni corrette ai cittadini vi auguro una felice giornata”.

1407246303-1-casuzze-tabelle-solo-per-i-giganti
Immagine 1

2 Commenti

  1. Bho

    14 giugno 2016 a 15:30

    È un qualcosa di assurdo …il comune vieta noi ragazzi di giocare liberamente nelle spiagge perché creiamo “confusione”…ma allo stesso tempo da libero accesso a animali nelle nostre rive piene di bambini che possono essere attaccati…siamo arrivati nel 2016 e si da più importanza ad un cane che alla svago dei ragazzi…credo proprio che la ci situazione stia sfuggendo di mano

    Rispondi

  2. rosariopluchino

    15 giugno 2016 a 22:05

    Carissimo Peppe , d’accordo con te .
    bisognerebbe vietare le spiagge ai padroni maleducati e non agli innocenti animali .. e che, chi ne ha competenza si tenga aggiornato sulle norme vigenti.
    Sappi, inoltre, che nel piano spiagge vigente ( PUDM – Piano di utilizzo del demanio marittimo) è prevista una zona per animali da affezione che , con un poco di sensibilità da parte dei nostri distratti amministratori potrebbe diventare punto di riferimento per gli amanti degli animali evitando di dare fastidio ai bagnanti .
    E’ una delle iniziative che stavo portando avanti nella mia sfortunata esperienza amministrativa.
    a presto davanti una buona tazza di caffè.
    rosario pluchino

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il comune di S.Croce contro la violenza sulle donne: il programma di sabato

L’amministrazione Comunale di Santa Croce Camerina, con un programma di iniziative, …