biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Tarty, le 54 uova sono al sicuro: il nido spostato in mezzo alla spiaggia FOTO

1 110

Le uova di Tarty hanno una nuova casa. Lunedì pomeriggio i tecnici di Pro Natura Catania e Ragusa e della Ripartizione Faunistico-Venatoria hanno deciso di spostare il nido della Caretta Caretta in un luogo più sicuro, al riparo da possibili mareggiate. L’operazione, assai complessa, è stata portata al termine con successo in un paio d’ore. I tecnici hanno scavato con estrema attenzione e hanno rinvenuto 54 uova, tutte in buono stato. Il nido è stato trasferito in mezzo alla spiaggia del Palmento, protetto da alcune transenne e da cartelli che ne segnalano la presenza. Parecchi i volontari e i curiosi che hanno assistito alla scena.

Sabato scorso, poche ore dopo l’eccezionale scoperta, si era deciso di lasciare le uova laddove Tarty le aveva deposte, ossia a 6-7 metri dal mare, in prossimità del muro che delimitava l’arenile. Ma nella giornata di sabato, a causa del forte vento, il nido ha rischiato di finire travolto dalla mareggiata, così è scattato immediatamente il protocollo per trasferirlo altrove. E’ fondamentale, in casi del genere, rispettare lo spazio vitale in cui le uova sono state deposte. In questo caso la spiaggia del Palmento che, quindi, per i prossimi due mesi – e fino al momento della schiusa – custodirà questo spettacolo della natura. E dato che la prudenza non è mai troppa, si raccomanda a tutti di non avvicinarsi troppo all’area interdetta. GUARDA LA FOTOGALLERY (scatti di Giorgio Distefano)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. Gaetano dice

    È proprio vero le tartarughe annoverano tra i loro predatori quello più terribile: l’uomo. Le tartarughe scelgono un luogo secondo loro logiche. L’uomo poi, per proprie logiche di esibizionismo, agisce senza tenere conto delle caratteristiche etologiche di specie. Ogni tanto, dimenticate l’esibizionismo e imparate a rispettare la natura.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.