Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Scene di violenza domestica che purtroppo si ripetono. L’ultimo episodio è avvenuto la scorsa notte a Ragusa, quando la Polizia è intervenuta all’interno di un appartamento del centro storico per fermare la furia di un uomo di 34 anni, originario di Siracusa, che stava picchiando la convivente. Accanto alla donna, che sul braccio riportava addirittura i segni di un morso, anche la figlia di 4 anni che, inutilmente, aveva provato a farle da scudo. Gli agenti hanno trovato l’abitazione piena di suppellettili spaccate, segno di una feroce colluttazione. La donna e la piccola sono stati soccorsi dai sanitari del 118 che hanno riscontrato contusioni al volto, agli arti e un trauma cranico sulla madre e un trauma al braccio sinistro per la bambina. L’uomo è stato immediatamente braccato: si tratta di un pluripregiudicato per reati contro la persona e il patrimonio, che è stato tratto in arresto con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, aggravati dalla presenza della figlia minore. La donna, accompagnata in questura dagli uomini della Volante, ha raccontato di aver subito in passato altri soprusi – fra cui un’aggressione in strada – ma di non aver mai denunciato i fatti per paura. Il 34enne, F.A. le iniziali, è stato tradotto presso il carcere di Ragusa in attesa di giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Allerta terrorismo, vertice dal Prefetto: misure straordinarie per concerto Iurato

I fatti recenti avvenuti a Barcellona e in Finlandia, dove l’Isis ha seminato morte e pani…