Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La lettera della turista di Olbia pubblicata da Santa Croce Web, in cui si evidenzia “il degrado di Punta Secca”, porta con sé una scia di polemiche. Il consigliere comunale di maggioranza, Salvatore Micieli, in un commento al nostro post spiega che “le critiche sono sempre ben accette, specie se sono costruttive. Sono sicuro che la signora di Olbia ha scritto una lettera anche all’amministrazione del suo comune perché, come dicevo, le critiche fanno bene a chiunque, anche al proprio comune”. E allega un link dello scorso aprile, in cui si evidenzia una situazione di degrado proprio a Olbia.

Luca Agnello prende posizione e cattura il rimbalzo: “In punta di piedi mi permetto di dire: a) chissenefrega di Olbia, la signora porta i soldi a noi e fa lavorare le nostre attività commerciali, quindi prendiamo spunto per migliorare; b) guardiamo sempre a chi è meglio di noi per migliorarci, anziché evidenziare chi sta peggio per giustificarci; c) i bagni si trovano troppo distanti dal centro (chiuso al traffico) e ben sapendo che sono sempre oggetto di atti vandalici, non ci vuole un arco di scienza per capire che serve una telecamera a controllare tutta l’area (in cui tra l’altro ci sono cassonetti dove cittadini incivili buttano di tutto)”. Interviene anche il sindaco Iurato, che nella sua giornata a tutto social, fa rilevare come “la collocazione di quei bagni prefabbricati è una scelta della precedente amministrazione”. E, come rilevò anche in un’intervista al nostro giornale qualche settimana fa, “li ho trovati appena installati nel luglio 2012 e appena insediata ho dovuto provvedere all’allaccio idrico, fognario ed elettrico. Visto che si trattava di prefabbricati mi sono informata con i tecnici se era possibile spostarli. Mi è stato sconsigliato, perché fissati su un basamento cementizio e un eventuale spostamento li avrebbe danneggiati. Tempo fa, vedendone la delibera, mi pare di ricordare che il costo si sia aggirato sulle 35.000 euro oltre allacci. Mi chiedo quale ragione abbia indotto gli amministratori di allora a non scegliere una posizione più centrale”.

Un Commento

  1. Osservatore divertito

    2 luglio 2016 a 18:04

    I bagni non devono esser posti ne troppo vicino al centro, ne lontanissimi. Luoghi tranquilli e raggiungibili in poco tempo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Cartellone sparisce per la festa, poi riappare:”Perché blackout democratico?”

Ventiquattr’ore per vedere due cartelloni sparire e riapparire in piazza. Quello del grupp…