Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Domenica sera il 113 di Ragusa inviava la volante della Polizia di Stato di Comiso in via Paganini al civico 9 per una rissa tra extracomunitari. Gli agenti prendevano contatti con un uomo che aveva assistito ai fatti il quale riferiva che poco prima aveva visto una rissa tra più extracomunitari.  La rissa era già sedata ma, tra i presenti, l’unica persona che presentava evidenti segni di una recente colluttazione (aveva il volto sanguinante e la maglietta lacerata) risultava essere Yan Jean, 28 enne ghanese sedicente, senza fissa dimora.

Considerato il numero elevato dei presenti veniva richiesto l’ausilio di altra pattuglia della Polizia di Stato. Nel frattempo gli agenti intervenuti cercavano almeno di identificare Yan Jean il quale però alla richiesta dei documenti riferiva di non averne al seguito, successivamente a specifica richiesta rifiutava categoricamente di fornire le proprie generalità e, addirittura, cercava di allontanarsi. Nel momento in cui gli operatori si attivavano al fine di trattenerlo per evitare il suo allontanamento, il predetto spintonava uno dei poliziotti, il quale, colto di sorpresa perdeva l’equilibrio e rovinava al suolo. Prontamente il poliziotto si rialzava e dava ausilio al collega che, era intervenuto in aiuto al fine di cercare di bloccare il soggetto. Quest’ultimo, nonostante l’intervento di entrambi gli agenti di Polizia, continuava a colpirli fin quando, stavolta lui, rovinava al suolo e finalmente veniva bloccato, perquisito e ammanettato. Nelle concitate fasi di cui sopra tutte le altre persone di presenti e probabilemnte partecipanti alla rissa si dileguavano.

Il nominato YAN Jean, nonostante ammanettato, nel momento in cui veniva caricato sull’autovettura di servizio Seat Leon iniziava a muovere violentemente le spalle e il capo con il preciso intento di colpire gli agenti al fine di liberarsi e tentare la fuga. In tale ultima circostanza con una testata raggiungeva il viso uno degli agenti. Al fine di scongiurare ulteriori lesioni o traumi agli operatori e a lui stesso, veniva assicurato all’interno dell’autovettura di Polizia. Intanto gli scriventi unitamente ad altro personale che nel frattempo era sopraggiunto provvedevano a ricercare altri partecipanti alla rissa, nello stabile sito in via Paganini, 9, occupato da cittadini extracomunitari di colore.
Nel momento in cui gli operatori facevano ingresso nell’abitazione, molti degli occupanti si dileguavano attraverso un cortile interno saltando il muro di recinzione.

Ma nonostante il tentativo di fuga venivano identificati altri 5 uomini: M.A., 20 anni, del Ghanese,  Y.A., 21 anni, Nigeriano;  O.A., 20 anni,  Nigeriano;  A. E., 36 anni, del Ghana, O. G., ghanese di 29 anni. In ufficio Yan Jean veniva dichiarato in arresto. L’arrestato veniva fotosegnalato. Dal successivo accertamento AFIS veniva riscontrato che lo stesso dal primo foto segnalamento, al seguito dell’ingresso illegale a Pozzallo nel 2011 aveva fornito nominativo, Stephen Kyere Yankyera, ma con date di nascita diverse pertanto veniva denunciato per aver fornito false generalità. L’arrestato, così come disposto, è stato tradotto ed associato presso la Casa Circondariale di Ragusa.

YAN-Jean-01.01.1988-GHANA-LOGO-859x1024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Nella morsa di acqua e vento: bufera fra S.Croce e P.Secca, abbattuto un pino

Piogge e forti raffiche di vento, domenica mattina, hanno sferzato tutta la provincia di R…