Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Non basta una lunga superiorità numerica al Santa Croce per prendersi i primi tre punti della stagione. L’Atletico Catania, in dieci uomini dalla mezz’ora, si rivela una corazzata e sbanca il “Kennedy” per 1-0. Il Santa Croce, carente in costruzione, arriva più volte davanti al portiere ospite, ma gli attaccanti non sono in giornata: al 21’ Messina spedisce in curva a tu per tu con D’Antone. Al 29’ l’episodio che rischia di cambiare la partita: Scudera atterra Trovato, che lo scalcia da dietro procurandosi un rosso ingenuo. Al 38’ lo stesso Scudera vanifica una splendida combinazione fra Hydara e Messina, svirgolando da due passi. L’Atletico trova il vantaggio con un guizzo di Sottile al 43’: Annese si oppone al primo tentativo, ma non può nulla sulla respinta. Prima dell’intervallo il tentativo di Iozzia è murato da Sottile sulla linea di porta.

L’Atletico, dopo l’intervallo, si ricompatta e resiste alle sfuriate del Santa Croce. La squadra di Lucenti maschera le difficoltà in manovra con lanci lunghi che diventano ostaggio della difesa avversaria. Messina ha due chance clamorose: al 12’ spreca in solitudine dopo la sponda aerea di Scudera, al 21’ è bravo D’Antone a respingere di piede. L’assedio finale è confuso e non genera occasioni. L’Atletico rimane in nove per il doppio giallo a Giulio, ma chiude in trionfo l’esordio stagionale.

IL COMMENTO DI LUCENTI
“Ho visto miglioramenti sostanziali sia sotto l’aspetto fisico che di squadra – ha dichiarato il tecnico biancoazzurro – Comunque ancora siamo lontani da quello che mi aspetto dai miei ragazzi in base al loro valore. Ieri abbiamo lottato alla pari contro un avversario che, ricordiamolo, è un serio candidato per la vittoria finale. La differenza l’ha fatta la fase di realizzazione. Comunque il calcio è questo: quando non concretizzi 6-7 palle gol nitide contro squadre del genere al primo ed unico macro errore vieni castigato e poi diventa difficile raddrizzare il risultato. Per il futuro sono fiducioso”. Anche il direttore generale Claudio Agnello vede in positivo. “La squadra ha disputato una partita di spessore mettendo sotto una delle squadre favorite al salto di categoria – ha rilevato Agnello -. Alcune occasioni sciupate quasi clamorosamente hanno pesato sul risultato. Dispiace non aver preso neanche un punto specie dopo non aver concesso quasi nulla all’avversario. Nonostante ciò – conclude il dg del Santa Croce – rimane la prestazione e la società non può che essere fiduciosa”.

IL TABELLINO

Santa Croce-Atletico Catania 0-1

Marcatori: 43’ Sottile

Santa Croce (4-4-2): Annese; Spadola (40’ st Guglielmino), Alma, Pianese, Ravalli; Iozzia, Giarrizzo (35’ st Baeli), Hydara (11’ st Silva), Castania; Scudera, Messina. A disposizione: Barrera, Guarino, Molè, Gulino. Allenatore: Lucenti

Atletico Catania (4-2-3-1): D’Antone; Vaccaro, Semprevivo, Trovato, Giulio; Cordova, Tummiolo; Santanna (39’ Spartà), Signorelli, Sottile (39’ st Vittorio); Licandri (44’ st Stancamipiano). A disposizione: Lo Guzzo, Pulvirenti, Pesce, Carcagnolo. Allenatore: Proto

Arbitro: Scicolone di Caltanissetta

Ammoniti: Iozzia, Scudera, Castania, Silva (SC); Cordova, Tummiolo (AC)

Espulsi: 29’ Trovato (AC), 46’ st Giulio (AC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, 2ª Categoria: Occhipinti e Vespertino, l’Atletico vince senza strafare

L’Atletico è brillante solo a tratti, ma basta un gol per tempo per aver ragione della Leo…