Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Dopo aver conquistato i favori di pubblico e critica la scorsa settimana nell’interpretazione di Noemi, Deborah Iurato si è messa alla prova durante il secondo appuntamento di “Tale e Quale Show” con l’imitazione della tigre del pop mondiale Anastacia. In realtà si è trattato di un duetto: ad interpretare la sua ‘metà’, Eros Ramazzotti, è stato l’imitatore Antonio Mezzancella, già visto nel programma televisivo di canale 5 “Tu sì que vales”. I due si sono esibiti nella famosa hit “I belong to you”, con bacio sul finale. L’esibizione ha meritato la prima standing ovation della serata. Dal punto di vista canoro l’interpretazione è veramente spettacolare (giudizio positivo unanime dei giudici e attestati di stima anche dai colleghi concorrenti) tanto da meritare il 3° posto nella classifica finale della serata!

Enrico Montesano ha ammesso che la settimana scorsa Deborah Iurato non l’aveva convinto granché, mentre in questa puntata ha fatto un ottimo lavoro, anche grazie alla sua grande potenza vocale: “Con Mezzancella guarda che t’ha fatto, pensa co’ n’ancella intera!”. Per Loretta Goggi, nonostante la performance di alto livello, sono mancati alcuni accenti di voce nasale caratteristici della star internazionale. Per il quarto giudice speciale della serata, Nicola Savino, Deborah è stata bravissima perché ha imitato Anastacia con misura e senza esagerare. Il suo Ramazzotti è stato perfetto, tanto che Savino ha aggiunto: “Credo Eros lo mandi a pagare le tasse al posto suo”. Claudio Amendola chiude facendo i complimenti alla ragazza, perché eseguire un duetto con un imitatore di professione ha rappresentato una ulteriore difficoltà.

immagine

tale-e-quale-show-23-settembre-debora-iurato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

“Per noi è sì”: Licitra e Arezzo superano la prima audizione a X-Factor VIDEO

Due ragusani con la musica nel sangue, capaci di trasmettere emozioni. Lorenzo Licitra, gi…