Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop
Gli uomini dell’Ufficio Volanti della Questura di Ragusa, a conclusione di un’indagine lampo, hanno individuato e denunciato per rissa cinque cittadini di origini albanese che si sono affrontati a calci e pugni in Piazza Libertà. I fatti si sono svolti nella serata di sabato scorso, quando è giunta al 113 la segnalazione di una rissa nel centro cittadino in cui erano coinvolte diverse persone. Sul posto sono arrivate due Volanti che in un primo momento non hanno rintracciato persone coinvolte nella rissa indicata, ma successivamente hanno perlustrato tutte le strade limitrofe individuando tre soggetti che alla loro vista hanno cercato di fare perdere le proprie tracce allontanandosi in direzione opposta. Le tre persone, padre, madre e figlio di origini albanese, presentavano escoriazioni al volto e tracce ematiche sui vestiti, elementi che facevano presupporre una precedente colluttazione. Gli stessi hanno riferito di essere stati aggrediti in piazza Libertà da due connazionali, fratelli tra loro e cognati del figlio della coppia. I due erano fuggiti a bordo della propria autovettura.
Dai successivi accertamenti i poliziotti hanno individuato prima il domicilio dei due fratelli albanesi e poi rintracciato i soggetti che presentavano anch’essi diverse escoriazioni al volto. I due hanno riferito di essere stati a loro volta aggrediti dagli altri connazionali. La Questura  ha ascoltato tutti i soggetti coinvolti. Per quanto ricostruito è emerso che i due fratelli hanno invitato in piazza gli altri tre per chiarire vecchie ruggini tra di loro a causa della passata relazione tra la sorella dei due ed il figlio dell’altra coppia. Ben presto la situazione è degenerata e ne è nata una rissa tra i cinque, fino a quando i due fratelli si sono allontananti a bordo della loro auto. Pertanto, avendo tutte i soggetti preso parte alla colluttazione, i cinque cittadini di origini albanesi sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per rissa. Per tre di loro è ora al vaglio la loro posizione sul territorio nazionale da parte dell’Ufficio Immigrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Acate – Arrestato cittadino rumeno su mandato d’arresto europeo

Prosegue a ritmi serrati l’attività di prevenzione e di repressione dei reati nel territor…