2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Generali Informa: fino al 31/12 risparmi il 50% se ti assicuri contro il terremoto

0 301

Coi terremoti non si scherza. Il sisma che a fine agosto ha colpito il centro Italia, radendo al suolo interi paesi, è un’immagine che rimarrà scolpita a lungo nella mente degli italiani. La conformazione geologica e l’inadeguatezza sismica delle costruzioni – come ha ricordato recentemente anche il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Ragusa – comporta un rischio elevato: “A fronte di questo pericolo reale – spiega Marco Sesana, amministratore delegato di Generali – solo l’1,2% delle abitazioni è coperto da un’assicurazione nonostante la casa rappresenti per le famiglie italiane il più importante, e a volte l’unico, patrimonio”. Un dato preoccupante che ha spinto Generali Italia, assicurazione leader di mercato, a supportare attivamente la diffusione in Italia delle coperture assicurative contro il terremoto.

Ci illustra questa iniziativa Vincenzo Mugneco, responsabile dell’Agenzia Generali Ragusa di via Teocrito: “Si tratta di una campagna promozionale valida fino al 31 dicembre 2016. E’ legata a una garanzia accessoria, cioè la ‘clausola terremoto’. La Compagnia ha deciso di co-partecipare, fin da subito, alla copertura dal rischio terremoto sostenendo il 50% del premio relativo a tale garanzia, sia a favore dei suoi clienti, sia dei nuovi assicurati. Chi vuole sottoscriverla, può rivolgersi alle nostre filiali o sub-agenzie sparse in tutta la provincia. Dopo aver effettuato indagini, analisi dell’immobile e delle persone, potremo procedere a un preventivo che comprende la ‘clausola terremoto’. Il rischio sismico attualmente è una problematica molto sentita, anche se spesso ce ne ricordiamo solo quando succedono la catastrofi”. La ‘clausola terremoto’ è presente ormai da qualche anno nel portafoglio prodotti di Generali. Già ai tempi del sisma che colpì l’Emilia (2012). Mugneco snocciola alcuni numeri significativi: “Per quel terremoto furono liquidati 9 milioni di premi nel giro di quattro mesi. Soldi che servirono a molte aziende per ripartire. E’ stato l’unico e vero contributo immediato. Mi auspico un maggior avvicinamento fra popolazione e assicurazioni: il nostro scopo è la difesa dei beni della persona”.

Luca Agnello, responsabile della sub-agenzia di Santa Croce Camerina, concorda in pieno: “Il sud-est della Sicilia, purtroppo, è una zona sensibile, ad alto rischio sismico. Anche il presidente dell’Ordine degli Ingegneri ha sollevato più di un dubbio sulla sismo-resistenza degli edifici. Alla luce di quanto successo nel centro Italia, la questione urbanistica è sotto la lente d’ingrandimento. Il ruolo dell’assicurazione – chiarisce Agnello – non è creare allarme, ma risolvere un problema. Ovviamente attraverso una garanzia che può coprire un rischio economico dovuto a una perdita. La casa è il bene primario su cui si regge una famiglia. Generali, applicando questa scontistica del 50%, dimostra di essere molto sensibile alla questione”.

Chi vuole sottoscrivere la ‘clausola terremoto’ si deve rivolgere alle nostre strutture sul territorio:

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.