Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

 

Un rigore nel primo tempo, una punizione nel secondo: grazie a due gol su calcio da fermo, il Santa Croce si sbarazza del Vittoria nel derby e, in attesa del big match fra Ragusa e Atletico Catania, le affianca al vertice della classifica del girone D assieme al Paternò. Il successo dei biancoazzurri è firmato da Scudera – al quarto gol in cinque partite – e Ravalli, ma porta anche il timbro (involontario) di Iapichino, che all’11’ atterra Hydara, propiziando il rigore che indirizza la gara. Scudera spiazza Licitra per il momentaneo 1-0. Gli ospiti, costretti dalle circostanze, fanno la partita senza mai intimorire Annese: l’unica occasione degna di nota capita sui piedi di Cassarino, che al 28’ penetra in mezzo a tre ma, sul più bello, calcia alto a porta spalancata. Il Santa Croce, con una prova solida di Pianese e Iozzia, regge l’urto. Poi la partita si infervora e fioccano i cartellini: a farne le spese sono Alma e Leone, che al 47’ vengono cacciati dal campo per un principio di rissa.

Ravalli, uno dei migliori, scala in mezzo alla difesa dopo aver cominciato la gara da seconda punta ed essere transitato a sinistra nella speranza di evitare guai peggiori a Silva, già ammonito. Il jolly del Santa Croce, al 3’ della ripresa, chiude i conti: la punizione dai venti metri non è irresistibile, ma si insacca sul secondo palo con la complicità del portiere ospite Licitra. Il Vittoria è lento e scucito fra i reparti: al 16’ Cosentino conclude in braccio ad Annese da pochi metri. E’ l’ultima nota tecnica della partita, che diventa sempre più spigolosa. L’epicentro del caos è opera di Gurrieri che al 34’ colpisce Iozzia con una gomitata e viene espulso, lasciando in nove la sua squadra. Non contento, il centrocampista del Vittoria si sfila la maglia e si fionda verso la tribuna per replicare alle provocazioni dei tifosi di casa. La sicurezza e i carabinieri lo placcano in tempo utile, non abbastanza per evitare che anche il clima sugli spalti, fra locali e ospiti, si surriscaldi. L’arbitro Falco, poco aiutato dai giocatori, fatica a tenere in mano la partita ed espelle un paio di componenti della panchina biancorossa. Al campo resta poco da dire: nel Santa Croce fa il suo esordio il neo-acquisto Talarico, ma è l’ingresso di Baeli che permette alla squadra di non farsi schiacciare. Per gli uomini di Lucenti è il quarto risultato utile consecutivo: a questo punto della stagione sognare non costa nulla.

IL TABELLINO

Santa Croce-Vittoria 2-0

Marcatori: 12’ rig. Scudera; 3’ st Ravalli

Santa Croce (4-3-1-2): Annese; Guglielmino, Alma, Pianese, Silva (45’ st Guarino); Spadola (22’ st Baeli), Iozzia, Hydara; Castania (32’ st Talarico); Scudera, Ravalli. A disposizione: Campo, Giarrizzo, Maliani, Gulino. Allenatore: Lucenti

Vittoria (4-3-3): Licitra; Cassarino, Rotondo, Di Pasquale, Digregorio (40’ st Nei); Iapichino (44’ st Occhipinti), Gurrieri, Giudice (7’ st Distefano); Cosentino, Bruno, Leone. A disposizione: Alabiso, Cappello, Giurdanella, Bennice. Allenatore: Guzzardi

Arbitro: Falco di Siracusa

Ammoniti: Silva, Iozzia, Pianese, Castania (SC); Digregorio, Iapichino, Rotondo, Bennice (V).

Espulsi: al 47’ pt Alma (SC) e Leone (V) per comportamento antisportivo; al 34’ st Gurrieri (V) per gioco violento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Alluvione del 5 ottobre, l’annuncio del sindaco: “Chiesto lo stato di calamità”

Con una delibera di giunta adottata martedì pomeriggio, il comune di Santa Croce Camerina …