Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La posa della statua del maestro Alfio Nicolosi a Punta Secca, raffigurante un volto di donna scolpito nella pietra, è stata accompagnata da qualche polemica sui social. Al centro della discussione – e non poteva essere altrimenti – la rimozione, un paio d’estati fa, della statua in acciaio inox raffigurante il commissario Montalbano e realizzata dall’artigiano locale Nino Barone (adesso esposta al ristorante Rosengarten). Perché – è stata la domanda più frequente – questa disparità di trattamento fra artisti? Il sindaco, attraverso una nota su Facebook, ha fatto sapere che “il signor Nicolosi, già nel 2014, aveva fatto dono al Comune di questa scultura (…) L’Amministrazione, con delibera di giunta, ha accettato la donazione, demandando all’ufficio tecnico di provvedere per gli atti conseguenziali. Diversamente, i diversi manufatti realizzati dal signor Barone, valente e abile artigiano camarinense, non sono mai stati nella disponibilità del Comune, semplicemente da parte dell’Amministrazione è stata data all’autore, per mera liberalità democratica, equiparandoli a espressione di pensiero, l’opportunità di esporli (…)  Il Comune non può farsi carico della custodia e tutela di un bene che non è nella sua disponibilità né di eventuali danni causati a terzi” per cui “è stato necessario invitare il proprietario alla rimozione di tutti i manufatti collocati in diverse zone del nostro paese”.

ECCO LA NOTA INTEGRALE DEL SINDACO IURATO

 

2 Commenti

  1. Federico

    12 ottobre 2016 a 11:59

    NIente togliendo all’arte del sig.Nicolosi, ma in tutte le città d’italia sono esposte sculture raffiguranti uomini o donne che hanno lasciato un segno nella storia di questo paese, così come poeti, scrittori, artisti ecc…Il sindaco non può usare due pesi e due misure, anche le opere del sig. Barone sono arte. Adesso sappiamo che chiunque doni qualcosa al comune verrà esposta ed inaugurata.

    Rispondi

  2. Antonio Baeli

    12 ottobre 2016 a 12:39

    Quasi tutti i commenti iniziano con ” non voglio fare polemica ” ma un commento è già di per se una polemica. Niente da dire per l’ opera del mio amico Alfio che ha voluto esprimere , con la sua statua , tutto l’amore che lo legava alla compianta e amica FRANCA . L’ appunto forse è nella location scelta e nella enormità del piedistallo che offusca tale opera. Forse una riflessione più accurata avrebbe evitato queste ” polemiche ” . Un abbraccio Alfio

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Capatina a P.Secca per le Fiat 500 in occasione del Raduno del Barocco Ibleo

Centoventi Fiat 500 hanno fatto da cornice alla settima edizione del Raduno del Barocco Ib…