Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Una mamma quarantenne di Ragusa, Giovanna Ardiri (si faceva chiamare Genny), deceduta a seguito di un’ischemia all’encefalo, ha donato cuore, polmoni, fegato e reni, che sono stati espiantati all’ospedale Cannizzaro di Catania. Gli organi sono stati prelevati nel corso di un lunghissimo intervento eseguito sabato nel reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale, dove la donna era stata trasferita tre giorni fa dopo un primo ricovero nell’ospedale Civile di Ragusa. La donatrice – sposata e madre di due figli, nata a Messina ma residente a Ragusa, dove gestiva una scuola di inglese per bambini – aveva manifestato di essere favorevole alla donazione degli organi e sono stati i suoi familiari ad esprimere ai medici il consenso al prelievo. “Sarebbe stato un peccato non farlo. Sappiamo che tante persone in queste ore potrebbero ricevere una telefonata che annuncia loro che possono continuare a vivere”, ha detto il marito ai medici dell’ospedale Cannizzaro. I polmoni sono destinati a Padova, il cuore a Palermo, l’emilato sinistro del fegato a Bergamo, l’emilato destro a Palermo, i reni a Palermo e a Catania. Si tratta del secondo prelievo multi organo in una settimana all’ospedale Cannizzaro dopo quello di sabato scorso da parte della 57enne Rosina Patti, di Biancavilla, che ha donato fegato e reni. I funerali saranno celebrati lunedì mattina, alle 11, nella chiesa di San Giuseppe Artigiano. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Centro “Terza Primavera”, rinnovato il comitato di gestione: due nuovi ingressi

Rinnovate le cariche del comitato di gestione del Centro Diurno di Santa Croce Camerina. I…