Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Piazza Vittorio Emanuele e via Camerina, domenica sera, sono state teatro delle “solite” scene da far west: i protagonisti principali – manco a dirlo – alcuni cittadini extracomunitari, probabilmente tunisini. Tutto è successo attorno alle 20, quando in pieno centro si è scatenata una rissa per motivi tuttora sconosciuti. Tempestivo l’intervento dei carabinieri e di due vigili urbani, che si sono precipitati sul posto per placare gli animi. Poi è stato richiesto l’intervento di un’ambulanza del 118, che ha caricato a bordo due feriti. Nel frattempo si era formato un capannello di circa 50 stranieri per capire cosa stessa accadendo. Alle fasi finali di questa autentica follia ha assistito anche il consigliere comunale Gaetano Pernice: “La cosa da rilevare non è tanto l’accadimento in sé, quanto il sentore dei nostri concittadini. La rassegnazione diffusa tra la popolazione è il vero allarme sociale – aggiunge Pernice -. Non si può considerare un episodio del genere come “la solita rissa”. E’ un sentore pericoloso, una cartina di tornasole che ci fa rilevare come quella che dovrebbe essere un’anomalia è diventata una cosa a cui si invece assuefatti. Sentire queste frasi è preoccupante. Non si vuole creare allarmismo, ma una riflessione politica è doverosa”.

3 Commenti

  1. gianni

    16 ottobre 2016 a 23:32

    Condivido il pensiero del cons. Pernice, ma chi la la dovrebbe fare questa riflessione politica. La non-maggioranza o chi ?

    Rispondi

  2. Marcod

    17 ottobre 2016 a 13:07

    I nostri politici se cosi è giusto definirli sono impegnati a sistemare altre cose….tipo chi candidare a sindaco….come magari edificare su suolo agricolo per poi farci la casetta …mica vanno a pensare ai problemi della cittadinza …ma per favore

    Rispondi

  3. marco

    20 ottobre 2016 a 15:16

    ma la santa croce di qualche anno fa? dove si lasciavano le chiavi in macchina e potevi star sicuro che nessuno toccava niente
    dove lasciavi le chiavi attacate alla porta al massimo ti entrava la vicina per salutarti
    che tristezza
    ora ogni angolo e’ buono per spacciare ,risse ,furti, ti siedi al bar e senti puzza di pipi’
    ogni cosa pubblica divelta , rotta , imbrattata .
    povera santa croce

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Appalti più facili, Santa Croce ha la sua C.U.C.: sancito l’ingresso in Trinakria Sud

Ricordate la C.U.C.? Lo strano acronimo sta per Centrale Unica di Committenza, uno strumen…