Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Quinta vittorie nelle ultime sei partite per il Santa Croce di Gaetano Lucenti, che non concede sconti nemmeno al Megara Augusta. La formazione ospite arriva a Santa Croce senza aver mai segnato in trasferta in questo campionato. Ma le precarie condizioni della difesa del Santa Croce – alla seconda gara di fila senza lo squalificato Alma (al suo posto c’è Guarino) – fanno temere il peggio. Pronti e via, la squadra di casa passa con Castania, bravo a coordinarsi, in mischia, su un tentativo volante di Scudera respinto dalla traversa. Il Santa Croce, privo anche di Iozzia, approccia la gara nel migliore dei modi ma al 17′ vengono fuori le prime crepe. A Miraglia viene concesso un coast to coast di trenta metri, ma l’attaccante ospite si infrange sul palo con Annese battuto. Le emozioni sono tutte condensate in pochi minuti: Pianese stacca da fermo, il suo colpo di testa colpisce in pieno la traversa. E’ solo il 20′ e il Santa Croce continua a comandare. Passa poco e i segnali negativi della retroguardia trovano una conferma. Rimessa con le mani dal lato destro del campo, la difesa si addormenta e Marziano può colpire di testa quasi indisturbato: altro palo.

Al 34′ il Megara chiede a gran voce un calcio di rigore per un fallo in area su Micieli, ma il signor Guerra lascia correre. La squadra di Lucenti col passare dei minuti si fa schiacciare nella propria metà campo e, con Castania e Scudera un po’ sotto tono, affida le proprie speranze alla corsa di Ravalli. In avvio di ripresa l’ultimo sussulto ospite porta la firma del solito Ravalli: Pincio chiude lo specchio di fronte a lui. Poi il numero 9 arretra sulla linea difensiva a quattro, concedendo a Silva (ancora troppo impreciso) il centrocampo: si passa a un 4-4-1-1 più conservativo, perché il Megara – sebbene con pochissima organizzazione – prende in mano la partita. Di occasioni però nemmeno l’ombra. La corsa di Giarrizzo e Talarico, in mezzo al campo, infastidisce Tringali, il giocatore ospite di maggiore qualità. E gli attaccanti neroverdi non riescono ad impensierire Annese, bravo sulle palle alte. Il Santa Croce, dal canto suo, non mette in fila due passaggi, provocando qualche mugugno da parte del pubblico. Ma al 50′ – dopo una conclusione frettolosa di Baeli sotto porta – la pace è quasi automatica: la squadra di Lucenti ottiene la terza vittoria di fila e, per una notte, la vetta solitaria del girone D. Il sogno può continuare.

IL TABELLINO

Santa Croce-Megara Augusta 1-0

Marcatori: 14′ Castania

Santa Croce (4-3-1-2): Annese; Spadola (14’ st Baeli), Guarino, Pianese, Silva (39’ st Maliani); Talarico, Giarrizzo, Hydara; Castania; Scudera, Ravalli. A disposizione: Campo, Guglielmino, El Ouej, Molè, Gulino. Allenatore: Lucenti

Megara Augusta (4-4-2): Pincio; Carpinteri, Marziano, Micieli, Giliberto (42’ st La Ferla); Mangiameli (24’ st Maglitto), Doumbia, Tringali, Gattuso (35’ st Vena); Di Mauro, Miraglia. A disposizione: Manganaro, Massa, Rapisarda, Gambino. Allenatore: Migneco

Arbitro: Guerra di Gubbio

Ammoniti: Silva, Talarico, Ravalli (S); Pincio, Mangiameli, Micieli (M)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, C1: che spettacolo questi giovani, il Kamarina vince ancora (7-4)

Terza vittoria di fila in campionato per il CS Kamarina, che suda oltremodo ma batte nel f…