Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Un punto sudatissimo ottenuto in pieno recupero grazie al gol di Ravalli: il Santa Croce allunga a dodici gare la sua imbattibilità stagionale e risale a -1 dalla capolista Città di Ragusa, che si ferma nel derby di Vittoria (1-0). Da dietro sopraggiungono Paternò e Atletico Catania, che agganciano la squadra di Lucenti in seconda posizione. Poteva essere la grande occasione per il sorpasso, ma il tecnico camarinense deve accontentarsi. Il pareggio dell’Aldo Campo, il secondo nello spazio di otto giorni, arriva al termine di una partita rognosa, dove (forse) si vede uno dei peggiori Santa Croce della stagione. Con poco mordente e poca cattiveria, incapace di far fruttare le sue qualità contro una squadra dimessa e rintanata, per tutto il secondo tempo, nella propria metà campo.

L’allenatore biancazzurro rinuncia allo squalificato Pianese e propone il neo arrivato Ferrante fin dal primo minuto. L’ex trequartista del Ragusa non è a proprio agio e la squadra non lo aiuta. Pochissima abilità in manovra, dove solo Castania e – a tratti – Scudera si dannano l’anima. Il Marina imbriglia la sua tela e per mezz’ora è noia assoluta (escluso, all’8’, un colpo di testa di Scudera facilmente addomesticato da Cavone). I padroni di casa si fanno vivi per la prima volta al 34’: botta di Valerio e respinta corta di Campo, la difesa si addormenta e Puglisi si avventa sul pallone per primo, realizzando il gol dell’1-0. Il Santa Croce, davvero troppo spento, paga l’assetto difensivo d’emergenza (con Talarico adattato a destra e Guarino al centro) e rischia di andare sotto di due gol prima dell’intervallo: Di Rosa scarta Talarico, ma Campo si immola e devia in angolo. Le emozioni finiscono qui.

Nella ripresa il Santa Croce approccia la partita un po’ meglio, ma sfondare è un’impresa. Al 13’ Castania ha una buona chance sul destro, ma Cavone respinge in angolo. Il predominio è sterile e Ferrante continua a gironzolare alla ricerca di una buona occasione per mettersi in mostra. Al 37’ un fallo ingenuo di Iapichino su Castania costa al difensore rossoblu la seconda ammonizione che lascia il Marina in dieci. Il Santa Croce ci prova con maggiore spregiudicatezza, prestando il fianco al contropiede. Quando la gara è quasi in archivio, un erroraccio a metà campo mette in moto Ferrante: cavalcata sulla sinistra, palla al centro e botta vincente di Ravalli, appostato sul secondo palo. Il Santa Croce riacciuffa per i capelli una partita praticamente persa. La vetta della classifica è a un solo punto, anche se la concorrenza aumenta in modo esponenziale. Sabato prossimo si torna a casa contro il Real Belvedere.

IL TABELLINO

Marina di Ragusa-Santa Croce 1-1
Marcatori: 1T 34’ Puglisi; 2T 47’ Ravalli
Marina di Ragusa: Cavone, Iapichino, Tuvè (30’ st Criscione), Valerio R., Tumino, Puglisi, Benvenuto, Militello (12’ st Messana), Ascia, Rizzo, Di Rosa (24’ st Rimmaudo). A disposizione: Sisino, Giurdanella, Valerio K., Verdicchio, Rimmaudo. Allenatore: Gurrieri
Santa Croce: Campo, Talarico (26’ st Silva), Ravalli, Giarrizzo, Alma, Guarino, Iozzia, Hydara, Ferrante, Scudera, Castania (50’ st Baeli). A disposizione: La Malfa, Spadola, Gurrieri, Guglielmino. Allenatore: Lucenti
Arbitro: De Caro di Agrigento
Note. Ammoniti: Cavone (M); Scudera, Iozzia (S). Espulsi: Iapichino (M) al 37’ st per doppia ammonizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Allerta terrorismo, vertice dal Prefetto: misure straordinarie per concerto Iurato

I fatti recenti avvenuti a Barcellona e in Finlandia, dove l’Isis ha seminato morte e pani…