Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Al termine di quasi un anno di indagini, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa hanno disarticolato un’organizzazione criminale attiva nello spaccio di sostanze stupefacenti che riforniva le principali piazze di Ragusa. In particolare, dallo sviluppo di informazioni raccolte sul territorio e sviluppate, prima in forma autonoma e poi attraverso il coordinamento della locale Procura della Repubblica, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Ragusa hanno presidiato per diversi mesi le principali piazze del centro storico e della periferia di Ragusa, ritenute luogo ideale di ritrovo di spacciatori e acquirenti di sostanze stupefacenti. Da qui il nome “TUTTOCITTÀ” attribuito all’operazione. Ovvero la fitta ramificazione di sodali dell’organizzazione su tutto il tessuto cittadino, nel quale avvenivano le cessioni delle dosi a giovani e meno giovani.

L’identificazione dei corrieri, degli spacciatori da strada, degli acquirenti, dei luoghi di stoccaggio delle sostanze, dei mezzi utilizzati per gli spostamenti, dei rifornitori ubicati fuori provincia (in particolare nella città di Catania), è stata resa possibile non soltanto attraverso le tradizionali tecniche investigative di appostamento e pedinamento ma soprattutto con l’ausilio di indagini tecniche (intercettazioni telefoniche e captazioni ambientali di conversazioni tra presenti e con l’installazione di sistemi di monitoraggio – GPS – sulle autovetture dei corrieri). Fondamentale, poi, la strategia operativa adottata d’intesa con il Magistrato titolare del procedimento penale – dr.ssa Valentina BOTTI -, ovvero quella di condurre interventi mirati e cadenzati per indebolire le fonti di approvvigionamento. Perquisizioni e arresti modulati dei vari corrieri di cui si serviva l’organizzazione per far giungere in Provincia i carichi (circa 30 kg a settimana). In questo modo, non soltanto sono stati acquisiti utili risconti investigativi ma, soprattutto, si è potuto allargare la platea dei soggetti coinvolti e ricostruire la piramide organizzativa, individuandone ruoli e compiti di tutti i sodali.

L’ultimo atto, verificatosi nella notte tra il 20 ed 21 c.m., rappresenta l’epilogo dell’operazione. Infatti, gli uomini della polizia tributaria di Ragusa, collaborati dai colleghi del Gruppo Operativo Antidroga di Catania, hanno tratto in arresto, nella sua abitazione del capoluogo etneo, il pluripregiudicato CALOGERO LUCA, classe ‘86. Quest’ultimo era riuscito a sfuggire alla cattura nel corso dell’operazione dello scorso 23 novembre, allorquando, nel centralissimo Corso Italia di Ragusa, era stato inseguito e bloccato a bordo di un’autovettura presa in noleggio, mentre trasportava oltre 30 kg di marijuana. Nelle concitate fasi di inseguimento e bloccaggio del veicolo, il citato CALOGERO si dava a precipitosa fuga tra le vie del centro e neanche l’esplosione di un colpo di arma da fuoco in aria a scopo intimidatorio operato da un finanziere, lo induceva ad arrestare la corsa a piedi. La sua cattura è stata comunque possibile, dal momento che i militari conoscevano la sua identità e ne controllavano gli spostamenti attraverso diversi monitoraggi di natura tecnica. In quella circostanza furono comunque tratti in arresto alcuni dei suoi sodali, tra cui:

  • MANCIAGLI VINCENZO VENERANDO classe ‘80 originario di Acireale;
  • SULO SEL classe ‘80 Albanese;
  • GURRIERI GIUSEPPE classe ‘77 di Ragusa.

L’indagine, partita da una prima raffinata identificazione di numerosi soggetti che spacciavano su alcune “piazze” di Ragusa ha permesso di ricostruire l’intera filiera criminale, che ha messo in luce un’organizzazione strutturata e ramificata in questo territorio, che rifornivano gli spacciatori locali di cocaina, hashish e marijuana. Nel mese di agosto u.s. è stato arrestato, in flagranza di reato, un noto spacciatore di droga, SALVINO BENEDETTO – classe ’59 ragusano – trovato in possesso di diverse dosi di cocaina. Quest’ultimo, considerato il personaggio di spicco del sodalizio in grado di tenere diretti e personali rapporti con i capi clan delle consorterie catanesi, risulta attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Ragusa. Il successivo sviluppo del filone investigativo ha permesso di trarre in arresto in flagranza di reato altri soggetti, intimamente collegati con il SALVINO, sorpresi nelle quotidiane attività di distribuzione sul territorio delle sostanze stupefacenti provenienti dal capoluogo etneo. Si tratta di:

  • SCUDERI MASSIMO classe ‘72 di Catania;
  • FOTI ROSA classe ‘73 di Catania;
  • BRUNO ANGELO classe ‘90 di Ragusa, tutti attualmente reclusi presso la Casa Circondariale di Ragusa.

L’operazione di servizio oltre ad assicurare alla giustizia i responsabili e segnalare alla Prefettura oltre 30 assuntori, ha permesso di sequestrare:
Ø KG. 35,00 CIRCA DI SOSTANZA STUPEFACENTE TIPO MARIJUANA;
Ø GR. 100,00 CIRCA DI SOSTANZA STUPEFACENTE TIPO COCAINA;
Ø GR. 10,00 CIRCA DI SOSTANZA STUPEFACENTE TIPO HASHISH;
Ø NR. 10 CARTUCCE 380 AUTO CAL. 9MM CORTO;
Ø DENARO CONTANTE ED ASSEGNI PER OLTRE 100.000,00 EURO, QUALI PROVENTI DELL’ATTIVITÀ DI SPACCIO;
Ø NR. 6 BILANCINI DI PRECISIONE, UTILIZZATI PER LA PESATURA DELLO STUPEFACENTE PRIMA DEL CONFEZIONAMENTO;
Ø NR. 8 APPARECCHI CELLULARI UTILIZZATI PER I CONTATTI FRA GLI ACQUIRENTI;
NR. 1 CAMPER, NR. 1 AUTOVETTURA E NR. 1 SCOOTER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa, giovane arrestato per furto di energia elettrica. Controlli a Santa Croce

I Carabinieri della Compagnia di Ragusa hanno eseguito nella giornata di ieri diverse perq…