Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Divieto d’accensione e lancio di fuochi d’artificio, sparo di petardi, scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici nei giorni 31 dicembre e 1 gennaio: con l’ordinanza n.10 del 27 dicembre 2012, il sindaco Franca Iurato ha deciso di vietare i botti di fine anno. Secondo il primo cittadino l’accensione e il lancio di fuochi d’artificio e di petardi sono “causa di disagio e oggetto di lamentele da parte di molti cittadini, soprattutto per l’uso incontrollato da parte di quanti non rispettano le precauzioni minime d’utilizzo e/o per la presenza di minori”. L’Amministrazione, che “si appella al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva”, ordina quindi “di non utilizzare prodotti pirotecnici, anche se di libera vendita, in tutto il centro urbano, borgate comprese” e dispone che “la verifica della presente ordinanza è demandata alla Polizia Municipale e agli altri organi di vigilanza”. Le violazioni saranno punite con la sanzione amministrativa che va da 50 a 500 euro. Ma saranno veramente in grado le poche forze dell’ordine presenti sul nostro territorio di controllarlo tutto quanto?

LEGGI QUI L’ORDINANZA

Un Commento

  1. GIUSEPPE

    29 dicembre 2016 a 22:55

    Con questo sindaco e questa amministrazione c’e’ da scompisciarsi dalle risate, presente per le cose “inutili”, assente per le cose importanti.
    Ma avete mai visto in giro un vigile urbano oltre le 19,45? Figurarsi la notte di capodanno.
    Non sara’ per caso che il sindaco vuole accaparrarsi tutti i botti in circolazione per quando finira’ il mandato tra pochi mesi
    per andarsene come suol dirsi “COL BOTTO”??

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Padre Angelo Strada compie 50 anni di sacerdozio: celebrazioni l’8 settembre

Il parroco uscente Arciprete don Angelo Strada compirà 50 anni dall’ordinazione sace…