Slitterà di un mese il deposito delle motivazioni della condanna a 30 anni di reclusione del 17 ottobre 2016 nei confronti di Veronica Panarello, accusata di avere ucciso il figlio Loris di 8 anni a Santa Croce Camerina. Il Gup Andrea Reale, che ha emesso la sentenza a conclusione del processo col rito abbreviato, ha ottenuto dal Presidente del Tribunale di Ragusa, Salvatore Barreca, l’autorizzazione a una proroga di un mese rispetto ai 90 giorni previsti. “La complessità del procedimento – scrive il Gup Reale nella richiesta al presidente Barreca – tenuto conto della gravità del titolo di reato e alla luce del rito scelto (abbreviato condizionato a perizia psichiatrica), in relazione al ponderoso compendio probatorio raccolto nel corso delle indagini, unitamente all’assenza di qualsiasi sgravio di lavoro dello scrivente giudice nel periodo in questione, induce a chiederle una proroga per un termine di trenta giorni nel deposito della suddetta sentenza”. Il presidente ha vistato il documento e concesso lì’autorizzazione. (Ansa)

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Farmacia a Casuzze, Allù: “Finalmente decide il Consiglio”. Schembari replica

Il Consiglio comunale di Santa Croce Camerina ha deciso, non senza una travagliata votazio…