Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

C’è chi della questione immigrati ne ha fatto un business, c’è chi continua a farne una questione politica. C’è chi ne fa una questione filosofica, chi ne parla come un fenomeno di costume e c’è chi, in concreto, fa davvero qualcosa nei confronti della vera integrazione. L’Upd Santa Croce, senza strombazzamenti, da qualche anno ha applicato questa ultima opzione, cioè l’integrazione. Dal campionato 2015-16 nella rosa della squadra biancazzurra, quasi stabilmente, figurano almeno tre elementi di colore. Si tratta di Muhammed Jatta, Yanusa Hydara e Baebi Silva, tutti provenienti dal Gambia. I tre ragazzi sono arrivati in Italia da circa cinque anni, ospitati nel Centro Accoglienza Immigrati “Filotea” di Marina di Ragusa e sono tutti richiedenti asilo politico.

Ma come è avvenuto questo connubio fra la società di calcio in questione e questi immigrati o profughi? Tutto nasce da una intuizione del direttore generale del S.Croce, Claudio Agnello, e del cronista sportivo Fabio Fichera: “Ebbene – ci spiega Agnello -, abbiamo pensato di organizzare uno stage al campo sportivo, conoscevamo le condizioni di vita di questi immigrati perduti nell’ozio più totale e completamente avulsi da ogni contatto con la realtà locale. In perfetta sintonia con i responsabili della “Filotea” abbiamo portato sul green del S.Croce circa trenta di questi ragazzi. Dopo vari passaggi, la cerchia si è ristretta e abbiamo individuato nei tre giovani prima menzionati delle potenzialità calcistiche di un certo spessore. Abbiamo iniziato un lungo e faticoso iter per il tesseramento e pian piano l’inserimento in prima squadra, lottando con la loro diffidenza e quella degli sportivi locali. Ma i nostri sforzi e le nostre intuizioni sono stati ripagati: adesso possiamo contare su elementi di una certa serietà, di doti tecniche, fisiche e umane non indifferenti. Faticosamente stanno imparando la nostra lingua, il nostro modo di comunicare e noi, nel rispetto della loro cultura e religione (sono musulmani), li abbiamo da subito voluti bene, ci siamo incontrati e abbiamo iniziato questo percorso, a volte complicato, ma gratificante per noi e anche per loro. Indossano la maglia biancazzurra orgogliosamente: questo è il loro modo per ringraziare la società che ha creduto fortemente nel progetto di integrazione”.

Fabio Fichera ci spiega come si è arrivati alla determinazione di provare questi ragazzi: “Ero in spiaggia a Marina di Ragusa all’inizio dell’estate 2015 – ci racconta . La mia attenzione veniva attirata da un giovane di colore che palleggiava divinamente, con un fisico asciutto e muscoloso. Si trattava di Jatta, uno dei ragazzi che fanno parte ormai della rosa del S.Croce, uno dei migliori. Ho proposto il provino di questo ragazzo e, da lì, è nata l’idea di organizzare lo stage da cui abbiamo selezionato i giocatori di colore attualmente in rosa”. Che dire: fatti, non parole. Onore a questa dirigenza lungimirante per aver saputo applicare una teoria molto semplice: l’uguaglianza. L’incontro tra culture diverse è possibile quando si ricercano le cose che avvicinano piuttosto di quelle che allontanano, ed ancora una volta (semmai ce ne fosse stato bisogno) lo sport, arriva… sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, i Real Boys hanno scelto: alla guida degli Allievi i fratelli Licitra VIDEO

I Real Boys Santa Croce in rampa di lancio: la nuova società calcistica di Antonella Iurat…