barone_orizzontale
orizzontale_mandara
pluchino_orizzontale

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha tratto in arresto per detenzione illegale di armi da fuoco, munizioni e ricettazione i pluripregiudicati Francesco Piscopo nato a Gela il 22.01.1944, Calogero Piscopo nato a Vittoria il 23.11.1972 e Marco Piscopo nato a Vittoria il 06.04.1982, tutti residenti a Vittoria. Padre e figli tratti in arresto sono parenti dei fratelli Piscopo condannati per la strage di “San Basilio” del 1999 nata per alcuni contrasti all’interno dell’organizzazione mafiosa “stidda”.

Nell’ambito delle costanti attività investigative della Squadra Mobile di Ragusa, è stato possibile appurare che alcuni appartenenti della famiglia Piscopo, potessero detenere armi, anche in considerazione delle segnalazioni di colpi d’arma da fuoco provenienti dalla zona nella quale insiste la loro residenza, nonché luogo di custodia dei greggi di loro proprietà. Al fine di verificare quanto emerso dall’attività di pedinamento ed appostamento, gli uomini della Squadra Mobile, collaborati anche dai Commissariati di Comiso e Vittoria, hanno fatto un rapido accesso presso la casa di residenza dei Piscopo e nell’attiguo ovile. La perquisizione è stata particolarmente complessa data la vastità dei terreni di proprietà dei Piscopo e dello stato dei luoghi.

All’arrivo dei poliziotti i Piscopo riferivano che non c’era nulla da cercare e che era inutile l’attività degli investigatori impegnati a ricercare armi delle quali era stata chiesta la consegna. Il tentativo dei Piscopo è risultato vano, difatti dopo diversi minuti sono state rivenute le prime cartucce dentro casa, segno questo che potessero esserci armi, pertanto l’attività è proseguita anche nel caseggiato di pertinenza adibito a magazzino. Uno dei Piscopo ammetteva di detenere un’arma per difesa personale e per difendere le pecore dai cani che talvolta le azzannano. Peccato che il fucile fosse stato rubato anni prima ad un vittoriese; peraltro non è stato consegnato da lui ma trovato da uno dei poliziotti impiegati per la perquisizione. Continuando l’attività di ricerca sono state rivenute altre due pistole, entrambe con matricola abrasa, occultate ma pronte all’uso e perfettamente funzionanti.

Dopo aver concluso l’attività, è stato necessario far sopraggiungere la Polizia Scientifica per un sopralluogo al fine di effettuare i rilievi fotografici dei luoghi del rinvenimento. Calogero Piscopo e Marco Piscopo venivano associati presso la casa Circondariale di Ragusa, Francesco Piscopo, considerata l’età anagrafica, veniva sottoposto in regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Le armi oggetto di sequestro sono state inviate alla sezione specializzata della Polizia Scientifica che le comparerà con quelle utilizzate in altri delitti. “La Polizia di Stato continua l’attività di repressione di ogni fattispecie di reato, sottraendo alla disponibilità di pericolosi criminali, armi e munizioni”.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa, presentata all’ospedale Maria Paternò Arezzo la “Giornata del Sollievo”

Si è svolta questa mattina presso la biblioteca dell’Ospedale Maria Paternò Arezzo &…