barone_orizzontale
orizzontale_mandara
pluchino_orizzontale

Ripartono stasera le avventure de “Il Commissario Montalbano”. La fortunata fiction di Rai 1, ambientata a Punta Secca e nell’intera provincia di Ragusa, torna sugli schermi con due episodi: il primo, che andrà in onda oggi alle 21.20, è “Il covo di vipere”. Oltre alla fantastica interpretazione di Luca Zingaretti, c’è spazio anche per un Alessandro Haber in versione clochard (foto di Duccio Giordano per www.comingsoon.it). Sopra, un anticipazione tratta dal film.

Qui la trama (da www.comingsoon.it): Una mattina l’imprenditore sessantenne Cosimo Barletta viene trovato morto nella sua casa al mare. È stato ucciso con un colpo di arma da fuoco alla nuca, mentre era tranquillamente seduto in cucina a bersi un caffè. Non ci sono segni di effrazione, quindi a ucciderlo è stato qualcuno che lo conosceva, che lui stesso può avere fatto entrare, o addirittura una donna che può avere passato la notte lì con lui. Il caso assume presto tinte assai fosche, perché Montalbano scopre, anche grazie alla testimonianza dei figli dell’assassinato, che Barletta era tutt’altro che una persona specchiata: uomo freddo, crudele, privo di scrupoli e sentimenti, Cosimo, oltre che spregiudicato imprenditore, era anche un ignobile strozzino e aveva rovinato un sacco di gente a Vigata. Ma non è tutto, perché Barletta aveva inoltre una particolare inclinazione a costringere giovani ragazze a concederglisi, per poi ricattarle e tenerle sotto il proprio giogo. Erano in molti, quindi, a odiare quest’uomo orribile e sadico. Molti i potenziali assassini. Un caso complicato, che si complicherà ancora di più quando il nostro Montalbano scoprirà che a Barletta non hanno semplicemente sparato, ma che poco prima era stato addirittura avvelenato. Come se due assassini, indipendentemente l’uno dall’altro, avessero deciso quella stessa notte di ucciderlo.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

“Culti e culture negli Iblei”: visita a Punta Secca e in chiesa Madre a S.Croce

Parola d’ordine “valorizzare il territorio ibleo e il patrimonio artistico-religioso…