Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Davide Stival, il padre del piccolo Loris, che nel 2014 è stato ucciso a Santa Croce Camerina, ha rilasciato dopo tanto tempo la prima intervista in tv. Lo ha fatto con la trasmissione “Quattro Grado”, andata in onda domenica sera su Rete 4. Nel corso della chiacchierata con il collega Simone Toscano, Davide ha confermato di aver chiesto il divorzio dalla moglie Veronica Panarello, condannata in primo grado a trent’anni per la morte del figlio: “Andava fatto e basta. Abbiamo inviato le pratiche da poco, quindi siamo in fase di divorzio” ha detto Stival aggiungendo di non sapere come ha reagito la moglie in carcere: “Non so come l’abbia presa. Non mi interessa. Deve essere fatto, punto e basta”. “E’ stato dall’8 dicembre, quando c’è stato il fermo di Veronica, che ho cominciato a capire che lei c’entrava in qualche modo” ha spiegato l’uomo aggiungendo che quello di cui sente la mancanza “è solamente Loris, non di certo lei”.

Stival ha quindi dichiarato di non aver mai creduto alla versione dell’incidente: “Non credo che un bambino di 8 anni faccia questi giochetti così pericolosi”. Poi ha assicurato che il motivo per il quale non parla con suo padre non ha nulla a che fare con questa vicenda: “Non ci parliamo per motivi nostri, personali”. Quando la moglie l’ha tirato in ballo il suocero, Davide ha pensato che si trattasse “dell’ennesima versione, dell’ennesima bugia. Non potevo immaginare altro, come infatti il giudice l’ha messo nero su bianco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Consiglio comunale: approvati il nuovo regolamento e l’adesione alla C.U.C.

E’ stato approvato all’unanimità – dopo tante chiacchiere, una strenua battaglia verbale e…