Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La Cna comunale di Santa Croce Camerina, in vista delle elezioni comunali, ha riunito il proprio coordinamento per valutare e selezionare le proposte da avanzare ai candidati sindaco e, in particolare, alla futura amministrazione con riferimento alle necessità del sistema imprenditoriale locale. Alla riunione, tenutasi nella sede Cna di via Gozzi, hanno partecipato il presidente della Cna territoriale di Ragusa, Giuseppe Santocono, il vicepresidente vicario della sede comunale, Carmelo Basile, e il responsabile organizzativo Roberto Bordonaro oltre ai componenti del direttivo comunale. Numerose le esigenze emerse che costituiranno il fulcro delle proposte da sottoporre all’attenzione della prossima Amministrazione comunale: dallo sblocco delle procedure riguardanti la zona artigianale per creare opportunità di sviluppo per l’economia locale alla detassazione degli oneri di urbanizzazione; dalla riduzione dell’aliquota Imu per i locali adibiti ad attività produttive all’istituzione dell’elenco degli operatori economici per la procedura negoziata e per la somma urgenza, con l’impegno dell’Amministrazione di effettuare una rotazione delle imprese affinché possano essere tutte coinvolte; e, ancora, dalla lotta all’abusivismo, rispetto a cui sarà avanzata richiesta alla prossima Giunta municipale di effettuare un attento controllo sul territorio per contrastare il fenomeno, alla rivisitazione del Prg allo scopo di effettuare delle modifiche. Inoltre, si attendono risposte anche per quanto concerne le procedure del Paes. Una riunione, dunque, molto proficua nel corso della quale sono stati stabiliti i punti di una articolata piattaforma rivendicativa che sarà sottoposta all’attenzione di tutti i candidati con l’auspicio che la prossima Amministrazione comunale possa farli propri così da sostenere la rete delle piccole e medie imprese del territorio camarinense.

Un Commento

  1. Marco

    9 marzo 2017 a 23:13

    ben detto , basta con gli abusivi insomma qualsiasi categoria deve essere rassicurata e protetta dalla propria associazione, fino adesso solo la CNA ha parlato di abusivismo detassazione e imu, basta con i parrucchieri porta a porta, estetisti improvvisati, nessuno paga le tasse e chi è a regola fa fatica ad andare avanti, bisogna avere rispetto per le categorie invece si va a caccia di per penalizzare chi reclama i propri diritti pur di perdere qualche voto, riunioni per sentire chi promette e chi dovrebbe dare, ma potranno mai darvi la sicurezza di lavorare sempre nascosti e gli altri guardano pagando le tasse? svegliatevi , per non parlare poi dei commercianti altra categoria martoriata, ASCOM fatti sentire pure tu, non bastano solo gli incontrini lasciate la politica a parte e aiutate chi vi chiede aiuto

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il progetto di Avis e Mov. Animalista: “Donare due volte: una casa e una vita”

In occasione del Natale solidale 2017, l’Avis di Santa Croce Camerina e il Movimento…