E’ stato respinto, con la sentenza del Tar n.416 del 2017 (le cui motivazioni sono state depositate il 2 marzo), il ricorso presentato dalla GMP Costruzioni s.r.l. relativo all’aggiudicazione del bando di gara per la costruzione del belvedere di Punta Secca all’Ati G&C costruzioni di Restivo. “Con il ricorso in esame – si legge nella richiesta del ricorrente – la società GMP Costruzioni s.r.l. seconda classificata nella gara indetta dal Comune di Santa Croce Camerina per l’affidamento dei lavori di Riqualificazione urbana meglio precisati in epigrafe ha impugnato il provvedimento di aggiudicazione in favore dell’ATI C&G costruzioni e GRS Company s.r.l. di cui ne ha censurato l’illegittima ammissione in gara per non aver compiutamente reso tutte le dichiarazioni previste dal bando di gara e dal disciplinare per i soggetti non ancora costituiti”. La prima sezione del Tar, però, ha definito il ricorso “infondato” (LEGGI QUI LE MOTIVAZIONI). Il tribunale ha inoltre condannato “la parte ricorrente al pagamento delle spese processuali che liquida in € 2000,00 (euro duemila/00), oltre oneri di legge, in favore del Comune di S. Croce Camerina e in € 2000,00 (euro duemila/00), oltre oneri di legge, in favore della parte controinteressata”. Intanto a Punta Secca i lavori proseguono spediti e dovrebbero terminare prima dell’estate, quando si potrà finalmente assistere all’inaugurazione di questa terrazza sul mare che sostituisce l’ex caserma di Guardia di Finanza, ormai fatiscente, abbattuta nel maggio 2014 fra le polemiche.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Inaugurata la nuova sede dell’Avs, Sallemi: “Sarà la casa del volontariato”

“La nuova sede Avs sarà la “casa del volontariato”, della promozione della cittadinanza at…