Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La cittadinanza di Santa Croce si appresta a festeggiare il patrono San Giuseppe e anche i ragazzi del catechismo sono stati coinvolti in varie attività, come ogni anno, nella preparazione della festa. Dopo aver allestito una piccola cena nella sede Giovanni Paolo II dove si svolge il catechismo, i ragazzi sono stati invitati a portare generi alimentari da distribuire alle famiglie bisognose. Generosa è stata la risposta dei loro genitori che hanno condiviso lo spirito di solidarietà alla base dell’iniziativa che ha coinvolto 18 catechiste e 280 ragazzi, dalla III elementare alla II media. In questo periodo di crisi molte famiglie vivono in difficoltà per cui si è ritenuto giusto e doveroso in questi giorni di festa, educare i ragazzi alla carità e alla solidarietà verso le persone che soffrono, affinchè anche loro possano stare meglio proprio in questo periodo. Pertanto il messaggio di amore verso Dio e il prossimo è stato accolto con sensibilità da tante persone che hanno donato col cuore in onore di San Giuseppe. Ad esse va la gratitudine di quanti riceveranno in questi giorni i viveri offerti. Mercoledì pomeriggio tutti i ragazzi e le catechiste in processione, accompagnati dall’inno di San Giuseppe suonato dagli stessi ragazzi, si sono recati in chiesa, dove hanno portato i doni per i bisognosi e un omaggio floreale per San Giuseppe. Infine davanti al simulacro hanno ascoltato con interesse una riflessione sulla figura del Patriarca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, il CS Kamarina contro la capolista Ispica: “Loro cazzuti, ma noi…”

Dopo il filotto vincente di inizio stagione, il CS Kamarina attraversa le prime difficoltà…