biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

I carrubi si colorano d’arancio: la lotta per la legalità riparte dalla scuola

0 133

Una cerimonia sobria e molto sentita è stata celebrata stamattina, poco dopo le 10, dal sindaco di Santa Croce Camerina, Franca Iurato, e dall’associazione Libera…mente ai piedi di un carrubo, nella piazzetta di via Pirandello. Come protagonisti i ragazzi delle scuole e decine di bigliettini arancioni, contenenti i pensieri di chi – negli anni – ha contrastato a tutti i livelli il fenomeno mafioso. Un modo per non dimenticare e per riproporre una battaglia per la legalità, proprio nel giorno in cui a livello nazionale si celebra la “Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle Vittime delle mafie”. “Un nome lunghissimo – ha evidenziato Paolo Barone, rappresentante di Libera…mente – ma pieno di significati. La mafia non è morta negli ’90 con gli attentati a Falcone e Borsellino, ma continua, si trasforma e va a colpire altrove. Ragazzini come voi sono stati ammazzati dalla mafia solo per essere amici di qualcuno, non perché avessero sbagliato a fare chissà cosa. La stessa sorte è toccata a contadini, agenti di polizia e giornalisti. Non basta la memoria, serve l’impegno per estirpare questa piaga”.

Il sindaco ha evidenziato il ruolo dei ragazzi: “E’ a voi che passa il testimone della legalità. Non è una parola vuota da ridurre al simbolismo della giornata, ma un faro che illumina i nostro obiettivi. Questa giornata coincide con la giornata contro la discriminazione razziale. Noi celebriamo entrambe le cose. Voi, cari ragazzi, dovete essere i portatori della legalità. Speriamo di non avere più eroi morti come Falcone e Borsellino, ma una comunità viva che persegue la legalità. Che siate esempio di legalità e uguaglianza fra gli uomini”. Anche Silvio Rizzo, promotore dell’iniziativa, si è soffermato sui motivi che hanno indotto l’associazione a organizzare questo evento, ringraziando alunni e insegnanti per la partecipazione attiva. Dopo i saluti iniziali, i ragazzini hanno letto delle frasi e appeso agli alberi – i tre carrubi sono dedicati a Falcone, Borsellino e Pino Puglisi – questi biglietti arancioni, destinati a colorare la memoria e riaffermare i principi.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.